Vendita farmaci, doping e mascherine: raffica di controlli dei Nas in Abruzzo

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 10 Dicembre 2020 @ 15:00

Il contrasto al “Pharma Crime” è stato al centro di una vasta operazione condotta dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, sia in Italia, che all’estero. I NAS di Pescara, nell’ambito dei controlli effettuati in tutta la regione, hanno individuato e richiesto l’oscuramento del sito web di una farmacia del chietino, che effettuava la vendita on line di farmaci in modo irregolare.

 

Nell’ambito delle attività di investigazione sulla commercializzazione di sostanze dopanti, invece, gli Ispettori antidoping del NAS pescarese, durante varie competizioni agonistiche svoltesi sul territorio regionale, hanno eseguito 8 verifiche antidoping “in competition” e una “out competition”. Sono stati sottoposti a controllo 33 atleti, individuati fra le varie discipline, quali atletica, calcio, pugilato, ciclismo e triathlon, di cui uno risultato positivo per la presenza di anfetamine nei campioni di urine.

 

L’atleta è stato deferito alla Procura Nazionale Antidoping ed a quella ordinaria.

 

Un importante risultato, in tempi di pandemia da Covid 19, è quello conseguito dai Carabinieri del NAS di Pescara nella commercializzazione di DPI. In questo ambito 20 persone sono state segnalate all’Autorità Giudiziaria, per reati inerenti il commercio, le manovre speculative e i requisiti di sicurezza dei prodotti, accaduti in tutte le 4 province abruzzesi, che hanno comportato il sequestro complessivamente di oltre 41000 mascherine facciali