- MASTHEAD -

Atri: il pensiero del M5s sulla lapide che continua a far discutere

- SIDEBAR 1 -
- INIZIO ART -
Ultimo Aggiornamento: giovedì, 14 Ottobre 2021 @ 20:08

Atri. La lapide apposta dall’amministrazione comunale sul muro del palazzo Acquaviva continua a far discutere. Dopo l’Anpi e il Pd locale, ad intervenire sono la consigliera comunale M5s Ilaria De Lauretis e l’Onorevole Valentina Corneli, portavoce m5s alla Camera.

“Mentre il Paese, in un momento molto delicato della sua storia, cerca di riaffermare i valori antifascisti della nostra Costituzione, una lapide che ci ricorda quei tempi bui, la cui apposizione fu imposta da Mussolini a ricordo delle sanzioni economiche applicate all’Italia dalla Società delle Nazioni dopo la conquista dell’Etiopia, è stata restaurata e disposta, su volontà del Sindaco e della Giunta comunale di Atri, sul muro della chiostra del palazzo della Città”.

E ancora: “Siamo sconcertati. La rievocazione suona come l’ennesima beffa ed offesa alla memoria delle vittime della persecuzione e all’intero Paese la cui Costituzione – ricordiamo all’Amministrazione – risulta essere di stampo democratico e pluralista. Pertanto, mentre attendiamo una risposta pubblica del Sindaco, lo invitiamo a rimuovere immediatamente la targa che ha già causato sufficiente malessere e inquietudine ai cittadini atriani”.

- AD IN ARTICLE-
- FINE ART - ALTRE NEWS --
- SIDEBAR 2 -

Latest articles

- SIDEBAR 3 -
Error decoding the Instagram API json

Related articles