Erosione costiera in Abruzzo. Zennaro: dal Governo ok all’impegno finanziario

Dopo l’interrogazione presentata all’inizio di dicembre al Ministero dell’Ambiente ed a quello delle Infrastrutture, oggi in aula alla Camera, che ha all’esame la legge di Bilancio 2021, è stato approvato l’ordine del giorno presentato dal deputato Antonio Zennaro con cui il Governo si impegna a risolvere, destinando risorse finanziarie statali, il problema dell’erosione della costa abruzzese, in particolare del litorale teramano, tra Alba Adriatica e Martinsicuro, di quello pescarese, con Montesilvano, e del chietino, tra Costa dei Trabocchi e Casalbordino Sud.

 

 

“Serve realizzare grandi opere a largo raggio per salvare ampi tratti della costa abruzzese e il Governo, dopo aver dato parere favorevole al mio Odg, potrebbe decidere  di  utilizzare il Recovery Fund andando ad anticipare i fondi necessari e rendendoli disponibili il prima possibile a comuni e regione.” – dichiara Zennaro.

 

“Ogni mareggiata si porta via un pezzo di spiaggia e il mese di gennaio non darà tregua. Oltre al rischio di dissesto idrogeologico, molti balneatori potrebbero vedere scomparire le proprie attività in un momento in cui l’economia turistica ha registrato un calo pari al 97% del suo giro d’affari con 53 milioni di turisti in meno in tutta Italia. Ci vorranno 3 o 4 anni per tornare ai livelli del 2019 ed è compito di questo Governo tutelare il territorio, prima risorsa turistica del Paese.” – conclude il deputato.