Vasto, ‘Ecologia e poesia’: incontro con la professoressa Gabriella Izzi Benedetti

L’amore per la Natura può salvare il Mondo. Sabato prossimo, 5 settembre 2020 ore 18, Giardini d’Avalos

Vasto. Sabato prossimo, 5 settembre 2020 ore 18, nuovo appuntamento con la prof. Gabriella Izzi Benedetti presso i Giardini d’Avalos. Si parlerà di “ECOLOGIA E POESIA – l’amore per la Natura che salva il Mondo”.

L’evento, organizzato dal Comune e dalla Società Vastese di Storia Patria, metterà in risalto lo stretto rapporto fra l’amore per la natura e la creatività umana, specie la poesia, con l’intento di approfondire il tema ambientale, punto dolente della tendenza umana tesa a privilegiare il profitto ed a usare la natura per i propri scopi, sfruttandola.

Il testo della Izzi – presidente della Società Vastese di Storia Patria – analizza i mutamenti, le evoluzioni ( e involuzioni),e soprattutto le intuizioni, le indicazioni di pericolo che la sensibilità di poeti e letterati non si stanca di segnalare.

Questa capacità di fondere l’emozione e l’immaginazione con la presa di coscienza realista che il legame tra uomo e natura si è incrinato e bisogna cercarne le cause per porvi riparo, cioè riallacciare il filo spezzato tra uomo e natura, viene narrato attraverso non solo attraverso il testo, ma la lettura di brani poetici e in prosa, che l’accompagnamento musicale rende assai suggestivi.

I brani, molto significativi, attraversano i secoli e ci raccontano come il problema sia urgente poiché l’ambiente naturale, così mal gestito dall’uomo, potrebbe arrivare a un punto di non ritorno, preda com’è di affaristi senza scrupoli. Ma anche vittima dell’ordinaria “banalità del male”, che devasta con sconsiderata leggerezza le proprie ricchezze.

Inoltre è interessante l’analisi che il testo compie, proponendo le differenti formule espressive, le differenti personalità degli autori e le specifiche del loro momento storico.

Le letture sono affidate alle ottime voci di: Simona Cieri, Letizia Daniele, Davide Giacon, Raffaella Zaccagna. I brani musicali sono eseguiti da Maria Aurelia Del Casale (pianoforte e Pietro Fortunato (violoncello).

Ingresso libero.