Zona rossa di Pasqua e Pasquetta: regole e divieti

Pasqua e Pasquetta in zona rossa.

Sabato 3, domenica 4 (Pasqua) e lunedì 5 (Pasquetta) tornano le misure più severe che erano già state adottate per le festività di Natale.

Le regole da seguire, da domani e per i prossimi giorni, prevedono:

  • PARENTI e AMICI: è possibile, una sola volta al giorno, dalle 5 alle 22, andare a trovare parenti ed amici entro i confini della propria Regione. A spostarsi possono essere al massimo due adulti (insieme a minori di 14 anni o persone non autosufficienti)
  • SECONDE CASE: salvo ordinanze regionali che dispongano diversamente è possibile, per il solo nucleo familiare, spostarsi nelle seconde case e solo se l’immobile è disabitato
  • SPOSTAMENTI: è fatto divieto di uscire dalla propria abitazione salvo che per i casi di lavoro, salute e urgenza. Tra gli spostamenti consentiti anche quelli per fare attività sportiva (nei pressi della propria abitazione e in maniera individuale), per andare in farmacia, per acquistare beni di prima necessità o giornali. È poi sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio, residenza o abitazione. Sono consentite le passeggiate ma sempre nelle vicinanze della propria abitazione
  • BAR e RISTORANTI: restano chiusi ma sono consentite le attività di asporto e consegna a domicilio. I clienti non potranno consumare cibi e bevande all’interno dei locali o nelle loro adiacenze. L’asporto è consentito dalle 5 alle 18, per i bar senza cucina l’asporto è vietato dalle 18 alle 22. La consegna a domicilio è consentita a tutti senza limiti di orario. Negli alberghi i clienti che vi alloggiano possono usufruire del servizio di ristorazione.
  • NEGOZI: il commercio al dettaglio è sospeso ma restano aperti i negozi che vendono beni di prima necessità (edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie, profumerie, alimentari, intimo, abbigliamento per bambini, ferramenta, biancheria per la casa, negozi di giocattoli)

È poi fortemente raccomandato, in caso di visita o pranzi in casa, di adottare almeno il distanziamento.