Teramo, Berardini su nuovo ospedale: “Di Giosia costretto a dichiarare lo stop al project financing”

Teramo. “Il direttore della ASL di Teramo Di Gioisia, anziché garantire la massima trasparenza rispondendo alle nostre richieste di accesso agli atti, continua a rilasciare interviste. Durante un’ultima intervista, però, ha finalmente dichiarato che i tre progetti presentati dal privato per il nuovo ospedale sarebbero stati bocciati e che “per il momento non saranno esaminati più project fino a quando la ASL non si sarà chiarita le idee”, scrive il parlamentare Fabio Berardini in una nota.

“Se tutto ciò fosse confermato con documenti alla mano, questa sarebbe una grande vittoria nostra e di tutti i cittadini teramani. Nel pieno della pandemia l’ASL di Teramo, infatti, non deve pensare alle proposte di privati per un nuovo ospedale ma ha dovere di concentrarsi sulla gestione dell’emergenza”.

“Noi però”, annuncia Berardini, “continueremo a chiedere la massima trasparenza su questa vicenda che ha dell’incredibile. Ripetiamo da mesi che la ASL non abbia nessuna idea sul futuro della sanità teramana e sui principali criteri per la costruzione di un nuovo ospedale. Oggi scopriamo che anche Di Giosia, in una intervista televisiva, ammette tutto ciò e, di conseguenza, blocca la valutazione dei project financing”.

“Come mai Di Giosia non ha indetto una conferenza stampa per annunciare lo stop a questi project financing? Forse perché avrebbe smentito tutto quello che lo stesso Di Giosia ha sostenuto fino ad oggi sui project financing? Questo è l’ennesimo esempio di come vengono gestite le cose all’interno della ASL. Come cittadino e come parlamentare della Repubblica pretendo che ASL e Regione Abruzzo facciano immediata chiarezza su questo tema così importante anziché continuare ad improvvisare come è stato fatto fino ad oggi. Abbiamo bisogno subito di manager seri che si occupino della sanità con professionalità”, conclude Fabio Berardini.