Giulianova, saranno abbattute le passerelle aeree dell’Annunziata

Giulianova. In una sala gremita si è svolta la quarta assemblea del Comitato di Quartiere Annunziata.

Erano presenti il Sindaco Francesco Mastromauro, gli assessori Gianluigi Core, Fabrice Ruffini e Cristina Canzanese, i consiglieri Gabriele Filipponi, Carlo Mustone ed i diregenti Ater Raffaele Foschini e Maria Cianci.

Il primo ordine del giorno che il Presidente del Comitato Antonio Fusaro ha portato alla ribalta nell’assemblea è stato l’annoso problema delle passerelle aeree in via Di Vittorio.

Il Sindaco ha dichiarato che è stata trovata la copertura finanziaria necessaria al loro abbattimento e che tale intervento verrà effettuato entro al fine dell’anno. L’assessore Core ha puntualizzato che le ipotesi erano due: un intervento di messa in sicurezza e ripristino strutturale delle passerelle con un costo di circa 60 mila euro più iva, oppure il loro abbattimento con un costo di circa 50 mila euro più iva. Si è optato al loro abbattimento sia per il costo minore sia perchè ormai non hanno più quella funzione per il quale furono costruite un tempo. La copertura finanziaria, ha precisato l’assessore, è stata trovata da un avanzo di bilancio di 350 mila euro e del tesoretto.

Il secondo punto dell’assemblea ha riguardato l’edificio di proprietà dell’Ater adiacente al Centro socio culturale in via dei pioppi. Mastromauro ha ringraziato il Comitato che si è fatto portavoce nel segnalare questo problema. La struttura, hanno dichiarato i dirigenti Ater, dovrà essere, inizialmente, messa in sicurezza e chiusa tramite blindatura di porte e finestre per evitare l’intrusione ed il bivacco e successivamente ristrutturata e riconsegnata a tempo debito alla comunità.
“Una struttura che – ha dichiarato il presidente Fusaro – può essere utilizzata come sede di associazioni e dello stesso Comitato”.
Inoltre, ha dichiarato Foschini, che l’Ater ha la copertura finanziaria per tale intervento, ma purtroppo sono sotto organico (con solo 4 operai) e non riescono soddisfare tutte le richieste. C’è stata anche la proposta di un cittadino sul suo abbattimento e tale proposta verrà valutata dal Comitato dopo aver sentito il parere dei residenti del quartiere. Inoltre, per quanto riguarda il Centro socio culturale, il 27 ottobre la commissione valuterà i lavori per rilasciare l’agibilità.

L’ultimo punto da discutere è stata la potatura dei pini in via Brodolini, un problema che da tempo riguarda tale via. I pini, va precisato, si trovano nell’area condominiale dei palazzi dell’Ater e questo ha creato il problema di chi fosse la responsabilità di tale intervento se dello stesso Ater, del Comune o dei condòmini.
Il primo cittadino ha dichiarato che tale intervento non può essere assolutamente effettuato dal comune perchè non è un bene pubblico in quanto i pini si trovano in una proprietà dell’Ater. Dal canto suo i dirigenti Foschini e Cianci hanno affermato che non è neanche competenza dell’Ater effettuare le potature perchè non rientrano nei lavori straordinari (dove posso intervenire) ma ordinari.  Quindi, la potatura, con la conseguente spesa, deve essere sostenuta dai locatari degli appartamenti ed anche se tale intervento verrà effettuato dall’Ater, le spese saranno sempre a carico degli inquilini. Il Sindaco per velocizzare questo intervento ha annunciato che farà un ordinanza di carattere sanitario per far intervenire l’Ater, ma le spese saranno sempre a carico dei locatari. Inoltre ha dichiarato la dirigente Cianci che si sta provvedendo alla risoluzione contrattuale degli inquilini morosi.

Per quanto riguarda il problema delle luci il Sindaco ha affermato che il “Progetto Paride” sta prendendo forma e verranno sostituiti tutti i corpi illuminanti vecchi con luci led e verranno anche posizionate telecamere di sorveglianza.

“E’ stata un’assemblea molto partecipata – ha dichiarato il Presidente Fusaro – e sia l’amministrazione che l’Ater hanno dato risposte esaustive ai cittadini”.