Teramo, un convegno sulle tecnologie per la qualità dell’acqua all’Alessandrini-Marino

Ultimo Aggiornamento: lunedì, 16 Dicembre 2019 @ 17:36

L’istituto Alessandrini-Marino di Teramo organizza nel suo auditorium un convegno su “Scienza e tecnologia al servizio della qualità dell’acqua” domani dalle 9:30 con esperti del settore provenienti da enti di ricerca pubblici e privati. Verrà presentato anche il nuovo indirizzo in Gestione delle acque e risanamento ambientale (G.A.R.A.) che sarà attivato dal prossimo anno scolastico.

 

Nell’ambito della giornata saranno conferite anche le borse di studio agli studenti più meritevoli dell’Istituto, che in questa occasione oltre ad un premio in denaro, riceveranno anche dei libri. Gli studenti dell’I.I.S. “Alessandrini-Marino” che hanno ottenuto i migliori risultati nell’a.s. 2018/2019 e riceveranno le borse di studio sono per l’ITT”Alessandrini”: Zeolla Enzo (classe I D), Lazzarini Davide (II E), Di Marcello Gabriele (III A Meccanica), Broccolini Lorenzo (IV A Meccanica) e Toppi Simone (IV A Meccanica), per l’IPSIA “Marino” Zhuo David (II B), Testoni Asia (III D) e Melchiorre Alessia (IV D). Tra gli studenti diplomatisi alla fine dello scorso anno scolastico, saranno premiati Aielli Riccardo della V A Elettrotecnica (Classe ENEL), che ha riportato la votazione di 100/100 e lode, Martiniani Alessio della V A Elettrotecnica (Classe ENEL), che ha riportato la votazione di 100/100 e Toscani Andrea della V B Informatica, che ha riportato la votazione di 100/100, tutti provenienti dall’ITT”Alessandrini”.

In occasione del convegno sarà inaugurata anche la nuova Aula 3.0 dell’Istituto, uno spazio innovativo adatto a favorire un approccio laboratoriale e collaborativo nella didattica, con l’ausilio di tutte le moderne tecnologie. Il nuovo indirizzo G.A.R.A. invece creerà una figura professionale quanto mai attuale, in grado di gestire e fare manutenzione di sorgenti e corsi d’acqua, intervenire nello smaltimento dei reflui e nella gestione delle problematiche ambientali ad esso connesse, occuparsi del controllo e della gestione degli argini e degli ambienti costieri, controllare il funzionamento degli impianti di rilevazione e depurazione.