Teramo, ricostruzione: domani il Tavolo operativo con Legnini

Teramo. Il Sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto, ha convocato per domani, venerdì 5 giugno alle ore 15.30 al Parco della Scienza, una riunione del Tavolo operativo permanente per la ricostruzione a cui parteciperà anche il Commissario Straordinario per la Ricostruzione Giovanni Legnini.

Il Tavolo è stato creato per riunire periodicamente i rappresentanti del cratere sismico e degli organismi coinvolti nei processi di ricostruzione, al fine di condividere ed affrontare le tematiche inerenti il sisma del centro Italia, superare congiuntamente le criticità che la complessità dei procedimenti evidenzia e approfondire, verificare, monitorare, supportare e collaborare alla ricostruzione.

Il Sindaco di Teramo, Gianguido D’Alberto, nella lettera di convocazione, ha sottolineato la finalità dell’incontro di domani, volto all’approfondimento dei temi inseriti nella ordinanza numero 100 del 9 maggio 2020 che finalmente tende alla semplificazione e all’accelerazione della ricostruzione privata: “Il tavolo operativo per la ricostruzione è uno strumento che ho voluto costituire per confrontare tra i territori del cratere le esperienze connesse a questa complessa attività, e per favorire uno scambio dei supporti operativi capaci di affiancare l’azione che il Commissario straordinario e gli USR mettono in campo. La riunione di domani, è finalizzata al confronto sulle tematiche che sono inserite nell’ordinanza di maggio, la quale finalmente avvia una reale semplificazione e una accelerazione per la ricostruzione privata. Sarà importante il confronto, proprio perché grazie all’impulso dato dal nuovo Commissario Legnini, le prospettive connesse alla rinascita dei nostri territori cominciano ad essere reali. È in questo senso che il confronto tra noi non può che agevolare da un lato la stessa attività e dall’altro quella degli organismi preposti per governare i processi di ricostruzione. Auspico che all’incontro siano presenti tutti gli enti e gli organismi invitati, proprio per favorire un ampio e articolato confronto e trovare le modalità per attuare la recente ordinanza in tempi rapidi. Una rafforzata unità di intenti, pur nel contributo che ciascun singolo attore saprà dare, potrà assicurare la sponda operativa e consentire agli organismi che rappresentano il governo nazionale di operare con la massima celerità e con sicura efficacia, aspetti imprescindibili per far decollare una attività non più procrastinabile”.