Rurabilandia, workshop con Mark Kostabi. L’iniziativa

jmb_170309b 002

A seguito delle giornate sperimentali di “ Montagna Amica ed Accessibile ” organizzate sulle vette del Corno Piccolo dalla Gran Sasso Teramano S.p.a. di concerto con le associazioni Rurabilandia, “Agave- Per un futuro diverso Onlus” ed Autismo Abruzzo Onlus, in sinergia con la Regione Abruzzo, l’Assessore con delega alle Politiche Sociali, Piero Fioretti, sarà presente anche venerdì 18 settembre presso la fattoria sociale “Rurabilandia” all’incontro dei ragazzi con il celebre artista internazionale Mark Kostabi.

 

Il convivio artistico si pone come occasione di comunione e condivisione attraverso l’arte pittorica delle esperienze vissute sulla montagna abruzzese. Mark Kostabi rappresenta uno dei maggiori esponenti dell’arte contemporanea. Tra le sue opere rintracciamo le cover per alcuni celebri album della storia del rock e del jazz (da Use Your Illusion dei Guns N’ Roses ad Adios Amigos dei Ramones , da Holding Back The Years di Jimmy Scott a Holding Onto Strings Better Left to Fray degli Seether ), oltreché numerosi prodotti per marche come Swatch, Bloomingdales, Alessi, Rosenthal e persino una ‘maglia rosa ’ per il Giro d’Italia. Importanti retrospettive sui suoi lavori si sono tenute a Tokyo e a Tallinn, aggiungendosi alle oltre 60 collezioni permanenti che lo rappresentano in tutto il mondo, in prestigiosi musei tra cui il MoMa, il Metropolitan ed il Guggenheim.

 

“Il workshop ” afferma l’assessore regionale Fioretti , promotore dell’iniziativa “ vedrà impegnati i ragazzi in un momento ludico-artistico e permetterà loro di esprimersi globalmente ed interagire con la società attraverso agili pennellate, riuscendo così ad esternare stati d’animo ed esperienze per mezzo delle discipline artistiche, intese come manifestazione estetica dell’interiorità e dell’animo umano. Le diverse forme d’arte costituiscono un abile strumento di relazione umana per le proprie caratteristiche intrinseche di accessibilità ed universalità, in forza della grande attrattiva che esercitano sui più giovani. Immersi nel verde, sui prati della Fattoria Sociale di Rurabilandia, i nostri artisti potranno narrare le emozioni vissute con la pittura, capace per sua natura di abbattere tutte le barriere comunicative e di riflettere verso l’esterno il mondo interiore dell’artista. Siamo onorati della presenza di una eccellenza mondiale come Kostabi, che con grande empatia e partecipazione lavorerà al fianco delle associazioni, assicurando una esperienza memorabile a tutti noi.

 

Luca Di Pietrantonio, Presidente ASP2 : “Avere ospite nella nostra fattoria un artista del calibro di Mark Kostabi è un grande onore per Rurabilandia, i ragazzi sono pieni di entusiasmo ed attendono con ansia di incontrare Kostabi. Penso sia necessario creare sempre nuovi stimoli positivi per i nostri giovani utenti al fine di costituire percorsi virtuosi di inclusione sociale e autonomia senza mai dimenticare le attitudini ed i talenti di ciascuno. Rurabilandia si pone da sempre come obiettivo un progetto di vita personalizzato che guardi al futuro nella società. L’arrivo di Kostabi realizza un ulteriore tassello nel cammino di crescita di ragazzi, operatori e famiglie nell’ottica della cooperazione con enti ed associazioni” Gino Natoni, Presidente “AGAVE – per un futuro diverso onlus ”: “Mark Kostabi può essere considerato, a tutti gli effetti, un artista globale, infatti oltre ad essere famoso nel campo delle arti visive, è anche un compositore affermato nel panorama internazionale. Le sue composizioni sono eseguite da orchestre e solisti di primo piano in America, Giappone ed Europa.

 

La collaborazione con Kostabi continua da alcuni anni essendo una persona di grande statura umana. Sono davvero felice del prossimo incontro con i ragazzi e della sinergia istituitasi con le istituzioni e le associazioni” Dario Verzulli, Presidente Autismo Abruzzo Onlus : “Autismo Abruzzo da alcuni anni ha posto in essere percorsi di autonomia e inclusione sociale/lavorativa attraverso le diverse forme d’arte per abbattere le barriere culturali, linguistiche e psico-fisiche attraverso un linguaggio universale. che muove su un piano metafisico per il suo valore di universalità e godibilità da parte di tutti. La pittura e la musica divengono mezzo privilegiato per superare la comune visione assistenzialistica della persona con disabilità. L’incontro con Kostabi realizza una importante occasione di scambio e un rinforzo positivo per i nostri ragazzi”.