Martinsicuro, non può tornare nella casa materna: la violazione costa l’arresto al figlio violento

Martinsicuro. Dall’allontanamento della casa familiare e dal divieto di avvicinamento ad una misura cautelare in carcere il passo è breve.

 

E comunque un passo generato dalla violazione del provvedimento della magistratura che è costato ad un 50enne l’inasprimento della misura cautelare.

I carabinieri della locale stazione, nelle ultime ore, in esecuzione di un’ordinanza emessa dal gup del tribunale di Teramo, Francesco Ferretti, hanno arrestato un uomo di Martinsicuro, ora detenuto nel carcere di Vasto.

La vicenda aveva preso forma, nelle scorse settimane quando il 50enne, responsabile di maltrattamenti nei confronti della madre convivente, era stato allontanato dall’abitazione di famiglia con il divieto di avvicinarsi alla donna.  Provvedimento emesso dal gip del tribunale di Teramo.

Trascorsi alcuni giorni, però, il figlio violento si è ripresentato in casa avanzando alla madre l’ennesima richiesta di denaro. In un improvviso impeto d’ira, l’uomo avrebbe anche sfogato la sua rabbia mettendo a soqquadro l’abitazione, con danni a mobili e suppellettili. La madre, spaventata, era riuscita ad allontanarsi e chiedere l’intervento dei carabinieri. L’informativa trasmessa dai militari alla procura hanno immediatamente favorito l’emissione di una misura cautelare in carcere nei confronti dell’uomo, ora rinchiuso in carcere.