Alba Adriatica, proroga concessioni ed erosione: le sfide dei balneatori FOTO VIDEO

Alba Adriatica. E’ già pronto il percorso pratico per la proroga delle concessioni demaniali per 15 anni. A giorni, infatti, la Regione trasmetterà ai comuni costieri la determinazione che consente da un punto di vista procedurale l’asseveramento delle concessioni per il nuovo limite temporale.

 

Il tema della proroga delle concessioni demaniali, figlio della recente Legge di Bilancio, è stata al centro, in mattinata, dell’assemblea interregionale di Sib-Confcommercio. Vertice che si è tenuto ad Alba Adriatica (sala conferenze) alla presenza dei vertici dell’organizzazione di categoria (il presidente nazionale Antonio Capacchione, quello regionale Riccardo Padovano e Giammarco Giovannelli, presidente di Federalberghi). Presenti anche gli assessori regionali Dino Pepe e Giorgio D’Ignazio e il dirigente Ettore Mantini. Presenti anche i rappresentanti dell’amministrazione comunale di Alba Adriatica (il sindaco Antonietta Casciotti, il vice Alessandra Ciccarelli).

 

La mattinata di confronto ha consentito di sviscerare almeno due tematiche. Il percorso finalizzato alla cosiddetta delle concessioni demaniali, che ora prevede un’attività dei Comuni costieri per il disbrigo, con i balneari, delle pratiche di natura burocratica. Da parte del Sib, però, ci sono stati considerazioni molto dirette per quanto riguarda la necessità a livello governativo, di rivedere alcuni aspetti. In primis dello delle pertinenze, che rischiano in alcuni casi, di minare le singole attività coinvolte.

 

Erosione. Particolare attenzione, anche per la presenza in sala di operatori di Alba Adriatica e Martinsicuro, ha riguardato il tema dell’erosione. Da parte della Regione e dagli operatori appare non più procrastinabile la necessità di intervenire con barriere parallele alla linea di costa per unità fisiografiche. E sotto questo aspetto, Riccardo Padovano ha lanciato un appello ai Comuni di Alba e Martinsicuro di seguire un percorso univoco.