Pineto, mobilità sostenibile: convegno a Villa Filiani

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 26 Ottobre 2017 @ 19:53

Un momento di approfondimento per parlare del crescente fenomeno del turismo in bicicletta. Si svolgerà sabato prossimo alle 16, a Villa Filiani di Pineto, una tavola rotonda sulla mobilità sostenibile, con particolare attenzione alle potenzialità legate al turismo sulle due ruote.

Si tratta di un appuntamento cardine di una tre giorni che vede nel cuore dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano il Cerrano Bike Expo. Il giorno dopo la Biciclettata Adriatica, che si svolge come tutti gli anni il 2 giugno, infatti, ci sarà un momento di riflessione su come si configura il futuro del turismo adriatico in un quadro in cui la mobilità sostenibile sta acquisendo una importanza preponderante.

Alla tavola rotonda parteciperanno, oltre al presidente dell’Amp Leone Cantarini e al suo vice Fabiano Aretusi, anche esperti del settore tra i quali Sergio Trevisani del comune di San Benedetto del Tronto e Alessandro Lombardi del progetto “bySEAcle”.

“Sarà l’occasione per riprendere il percorso del progetto BySEAcle”, spiega Cantarini, “un programma di mobilità tra le aree protette costiere e marine italiane, slovene, croate e montenegrine che pensato anni fa per una candidatura sul programma di finanziamento europeo Ipa, è oggi pronto per essere candidato nuovamente sui programmi transfrontalieri della Macro Regione Adriatico-Ionica”.

La presenza di quanti hanno seguito il progetto e di euro-progettisti esperti, consentirà di sviluppare il tema nel migliore dei modi per le conclusioni che il consigliere regionale Luciano Monticelli curerà in qualità di Presidente della Conmissione Affari Europei della Regione Abruzzo.

Ma, accanto a questo, saranno sviscerati anche i temi collegati al programma, dal Bike to Coast regionale e i suoi collegamenti con le regioni limitrofe, al CerranOnBike, promosso dall’AMP a livello locale, che vede ancora questioni irrisolte nei ponti sui fiumi Vomano e Piomba e persino nello stesso passaggio a Torre Cerrano. E non mancheranno i collegamenti brevi che a pettine dovranno collegare la ciclabile litoranea con il Vulcanello, il Parco Filiani, Mutignano, Silvi alta, e Atri con l’anello messo a punto con la Riserva dei Calanchi.