La TeAm licenzia segretario Fiadel per commenti sul web

Il dipendente licenziato dalla Teramo Ambiente per commenti sul web, è il segretario provinciale della Fiadel, Massimo Di Carlo.

A comunicarlo la stessa Fiadel, che parla di “un procedimento disciplinare (conclusosi con il licenziamento) nei confronti del nostro Segretario Provinciale di Teramo, reo, secondo l’azienda, di essere l’autore di alcuni commenti pubblicati, in diverse date dell’anno 2014, su un giornale on line lesivi dell’immagine dell’azienda e dei suoi vertici attraverso indirizzi ip ed e-mail (non appartenenti peraltro al dirigente sindacale e non a lui in alcun modo riconducibili) sotto lo pseudonimo di Alibrando”.

“Il riferimento al nostro Segretario Provinciale quale autore di tali commenti sarebbe stato comunicato all’azienda datoriale da un altro operaio, il quale peraltro fu sottoposto a procedimento disciplinare nel febbraio 2015 per i medesimi fatti – prosegue la Fiadel – Nel merito si rileva che il procedimento che ha portato alla rescissione dal rapporto di lavoro non è stato sostenuto da adeguata documentazione idonea a provare la presunta condotta illecita ascritta al citato dirigente sindacale (dichiarazione della polizia postale circa la proprietà e/titolarità degli indirizzi i.p. dichiarazioni del provider, dichiarazioni del collega ecc.) giacché la TE.AM., in violazione del diritto di difesa e di accesso ai ai dati personali non ha fornito all’incolpato l’accesso al fascicolo disciplinare malgrado abbia inoltrato due richieste di accesso per il tramite dell’Avv. Alessandra Giunco. E’ del tutto evidente che la TE.AM. S.p.A. non ha affatto provato la titolarità o la riconducibilità al Segretario Provinciale Fiadel degli indirizzi ip e-mail utilizzati dal “commentatore” Alibrando. Su tali basi si ritiene che il licenziamento irrogato al nostro dirigente sindacale sia, nelle motivazioni del tutto infondato e pretestuoso tanto da farci credere che si sia colta l’occasione per punire un lavoratore scomodo, un Rappresentante dei Lavoratori anche membro della R.S.U. aziendale molto attivo nel segnalare disfunzioni e problematiche. La Fiadel nel condannare l’accaduto si riserva la possibilità di adire in ogni sede, nessuna esclusa, e contro chiunque per la tutela dell’immagine, dell’onorabilità nonché delle libertà e prerogative sindacali”.

Levata di scudi anche da parte di altre organizzazioni sindacali: “Cgil, Cisl e Uil esprimono preoccupazione per il licenziamento di questi giorni – scrivono in una nota Amedeo Marcattili, Fabio Benitendi e Primo Cipriani – In una recente riunione l’Azienda ha invitato tutti ad un maggior senso di responsabilità e nel frattempo ha messo alla porta un dipendente che riveste anche un ruolo sindacale. Nel contempo si accingerebbe ad inserire una dipendente, in sostituzione temporanea di una lavoratrice in maternità, negli uffici di via Delfico, continuando a non dare risposte su una serie di questioni poste sul tavolo oramai da diverso tempo. Vogliamo fare alla dirigenza della TE.AM. una semplice domanda: recentemente l’Azienda ha licenziato diverse unità, non era possibile recuperare tra questi ex dipendenti qualcuno/a che potesse sostituire temporaneamente la lavoratrice in maternità? In merito all’episodio specifico del licenziamento del collega le OO.SS. espirimono tutta la solidarietà al lavoratore, convinte che alla fine la verità verrà fuori, se si chiede collaborazione ci si aspetta segnali distensivi”.