Città Sant’Angelo, info point: “Più soldi per un operatore in meno”

Città Sant’Angelo. Sono Davide Raggiunti e Alice Fabbiani, del circolo cittadino di Sinistra Italiana, a denunciare “l’ennesimo atto d’incoerenza dell’attuale maggioranza guidata da Perazzetti”.

Raggiunti e Fabbiani si riferiscono alla gestione dell’infopoint turistico angolano “dato in gestione”, affermano, “senza nessuna gara, senza dare l’opportunità agli operatori e ai professionisti del settore, con una perdita di qualità del servizio rispetto agli anni passati e ad un costo maggiore per la comunità”.
“Passiamo dall’avere un servizio dato in gestione attraverso un bando, ad un affidamento diretto”, sostengono ancora l’ex vicesindaco e il segretario cittadino, “dall’avere almeno due persone per il servizio turistico, ad averne solo una e il tutto passando da un costo di 9500 a 10370 euro”.
“La politica di chi predica bene e razzola male: questo decadimento del servizio turistico ricadrà sicuramente negativamente sull’immagine del nostro comune”, concludono Fabbiani e Raggiunti.