martedì, Gennaio 31, 2023
HomeNotizie PescaraCronaca PescaraSentenza choc: a L'Aquila protesta anche per Rigopiano

Sentenza choc: a L’Aquila protesta anche per Rigopiano

L’Aquila. Anche il comitato dei parenti delle vittime di Rigopiano ha partecipato ieri all’Aquila alla manifestazione per protestare contro la sentenza riguardante le vittime del terremoto del 2009.

Un provvedimento che ha attribuito parte della responsabilità delle morti proprio alle vittime, scatenando polemiche e reazioni.

Il comitato che unisce parenti e amici delle 29 persone morte il 18 gennaio 2017 con il crollo dell’hotel Rigopiano a Farindola ha portato uno striscione e testimonianze, anticipate da una dichiarazione sui social ripetuta al microfono, nell’arco degli interventi che si sono alternati all’Emiciclo.

“In Italia – hanno detto i membri del Comitato – ogni anno si verificano tragedie che si potrebbero e si dovrebbero evitare, dovute all’incuria, all’imperizia, alla mala gestione e al profitto. Per ognuna di esse il copione è più o meno lo stesso: si contano numerose vittime e altrettante famiglie distrutte, condannate all’ergastolo del dolore e allo stillicidio di processi penali che durano decenni e che, quando non si concludono con la prescrizione, portano a condanne irrisorie degli imputati, tra sconti e saldi vari. Questa è la triste realtà della giustizia italiana, adesso aggravata da una sentenza del processo civile che ritiene alcune vittime del terremoto del 2009 all’Aquila in parte responsabili della propria morte … cioè da vittime a colpevoli”. Un provvedimento definito “Assurdo, indicibile e disumano verso chi ha perso la vita quella notte e verso chi da allora sopravvive a questo immane dolore”.

Sentenza choc: a L'Aquila protesta anche per RigopianoLa signora Angela Spezialetti ha esibito il cartello “Le vittime non hanno colpa” sul giubbino rosso che apparteneva a sua figlia Cecilia Martella, morta a Rigopiano. La zip sbottonata lasciava intravedere un medaglione con l’immagine della ragazza. “Già il nostro processo fa i conti con continui ritardi e scioperi – ha detto – Ora temiamo di fare i conti con questa situazione che rischia paradossalmente di far passare le vittime come colpevoli”.

foto: Ansa.it

BREAKING NEWS PIU' LETTE

ARTICOLI SUGGERITI

RELATED ARTICLES