-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Pescara, orti sociali coltivati dai senza dimora

Ultimo Aggiornamento: sabato, 8 Giugno 2019 @ 20:45

Pescara. Senza dimora e ortolani al lavoro negli orti sociali dell’associazione “Domenico Allegrino”: è il progetto ‘Coltiviamoci, insieme si può’, ideato dalla onlus per favorire l’inclusione sociale e diffondere tra i giovani la cultura del volontariato.

L’attività, finanziata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dalla Regione Abruzzo, è realizzata in partnership con l’Associazione ‘Meridiani Paralleli’ di Chieti  e in collaborazione con il liceo classico “G. B. Vico” di Chieti,  ‘Istituto professionale statale Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo rurale di Villareia di Cepagatti (Pescara), l’assessorato alle Politiche sociali del Comune di Chieti, l’Associazione “Papa Giovanni XXIII” e il Dipartimento di Salute mentale Asl 02 Lanciano-Vasto-Chieti. Lo scambio di conoscenze ed esperienze è avvenuto su un terreno di via Fontanelle,

“Undici over 65, impegnati da diversi anni nella coltivazione dei nostri campi, stanno insegnando i segreti dell’orto ai senza dimora, già inseriti nel progetto grazie a una collaborazione con la Capanna di Betlemme di Chieti, gestita dall’Associazione Papa Giovanni XXIII”, spiega la presidente della onlus Antonella Allegrino.

“Gli ortolani dispensano consigli sulla lavorazione della terra, sulla semina e sulla coltivazione di piante di pomodori, melanzane, zucchine, cipolle e meloni e i senza dimora li mettono in pratica. Insieme stanno costruendo anche alcuni banchetti, con le sedute, che verranno dipinti e utilizzati per chiacchierare e scambiare opinioni”.

“Gli incontri  consentono ai senza dimora di imparare tecniche di agricoltura e di partecipare a occasioni di socializzazione e inclusione. Anche gli over 65 sono contenti di poter contribuire al progetto impegnandosi nel tempo libero: è una partecipazione attiva che favorisce il mantenimento di uno stato di benessere e di una longevità attiva”.

“Nelle fasi precedenti del progetto, senza dimora, over 65 e studenti hanno preso parte a incontri incentrati sulle tecniche di potatura e a laboratori di teatro sociale e di comunità. Un’attività, quest’ultima, che si è conclusa  con l’allestimento di uno spettacolo teatrale, ispirato alle storie dei senza dimora e rappresentato, il 9 maggio scorso, al teatro Marrucino di Chieti. Il progetto terminerà il 28 giugno, all’auditorium Petruzzi di Pescara, con un evento al quale parteciperanno i protagonisti delle varie iniziative e in cui sarà proiettato un video realizzato per documentare le azioni svolte”.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate