Pescara, molestava la figlia 14enne della ex: arrestato sull’autobus

carabinieri arresto

Pescara. Stava molestando su un bus delle linee urbane di Pescara una ragazzina di 14 anni, figlia della sua ex compagna (che aveva precedentemente molestato), che si stava recando a scuola, quando è stata fermato da un militare della Guardia di Finanza in forza alla Compagnia di Pescara.

 

Il finanziere, in quel momento libero dal servizio è intervenuto, fermandolo, e permettendo poi agli agenti della Squadra Volante di intervenire e arrestare un 53enne.

È accaduto ieri mattina a Pescara quando l’uomo, residente nel pescarese, ha minacciato la minore, cercando di farla scendere dal mezzo con la forza. Solo la reazione immediata del conducente del bus ha impedito all’uomo di portare a termine la sua azione. I poliziotti hanno poi rinvenuto addosso al 53enne un coltello con una lama di 10 cm, e appurato che l’uomo era gravato da una misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Pescara, di divieto di avvicinamento alla madre della minore, sua ex-compagna, essendosi già reso responsabile di atti persecutori e minacce nei suoi confronti.

Per l’uomo così è scattato l’arresto congiunto dei poliziotti e dei finanzieri, in flagranza, per il reato di atti persecutori. Posto ai domiciliari, l’uomo questa mattina è comparso in Tribunale per l’udienza per direttissima