-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Sciopero lavoratori ambiente e igiene, sit in a Pescara

Ultimo Aggiornamento: lunedì, 8 Novembre 2021 @ 12:40

Pescara. Sciopero oggi anche in Abruzzo dei lavoratori del settore ambiente e raccolta rifiuti per protestare contro il mancato rinnovo del contratto nazionale, dopo la rottura della trattativa avvenuta a fine settembre.

Garantiti solo i servizi minimi, mentre questa mattina sit in di protesta a Pescara in Piazza Italia dove sotto la pioggia un centinaio di lavoratori ha manifestato pacificamente. “Il rinnovo de contratto del settore igiene-ambiente è fermo ormai da 28 mesi e i sindacati hanno voluto indire questa giornata di sciopero in tutta Italia con manifestazioni in 100 piazze d’Italia. Noi chiediamo il contratto unico dell’igiene-ambientale e per quanto  concerne il contratto c’è bisogno appunto di un solo contratto e non di contratti a ribasso di circa il 30, 40% da parte di aziende che vengono da fuori regione e dopo aver vinto gli appalti, applicano i cosiddetti contratti a ribasso. In Abruzzo ci sono almeno 8mila lavoratori di questo settore e ad una parte è applicato il contratto Fisas Ambiente, e ad un’altra parte cospicui a cui è applicato invece il contratto che è quello delle cooperative sociali e multi servizi che vedono di riduzione di retribuzione del 30%, 40%”.

Il segretario regionale della Uil Trasporti Primo Cipriani ha sottolineato che “questa mattina siamo qui perché le proposte sono inaccettabili e ci riportano anni e anni indietro. Il problema è che i datori di lavoro non accettano la firma di un contratto unico di lavoro su cui stiamo lavorando da anni e che prevede tutele retributive e sociali. Qualsiasi altra strada per noi è inaccettabile”.

Previsto un incontro di una delegazione di sindacati e lavoratori con il prefetto di Pescara Giancarlo Di Vincenzo e il sindaco Carlo Masci.

foto: Ansa.it

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate