Incendio Rosciano, chiesta la perizia psichiatrica per il piromane

Ultimo Aggiornamento: mercoledì, 4 Agosto 2021 @ 18:21

Rosciano. Chiesta la perizia psichiatrica, con incidente probatorio, nei confronti del 47enne di Rosciano indagato per incendio boschivo doloso, perché ritenuto responsabile del rogo che lo scorso 28 giugno si era sviluppato in contrada Tratturo del comune del Pescarese.

Nella richiesta di incidente probatorio il procuratore Andrea Papalia chiede di accertare se l’indagato fosse capace di intendere e di volere al momernto dei fatti, se lo stato mentale del 47enne “sia, per infermità, tale da impedirne la cosciente partecipazione al procedimento” e se l’uomo “sia da considerarsi soggetto socialmente pericoloso”.

Incastrato dalle immagini di una telecamera di sorveglianza, l’uomo nei giorni scorsi era finito in carcere. L’incendio aveva interessato 1.600 metri quadri di terreni seminativi e incolti cespugliati, con presenza di gruppi e filari di Roverella. Nell’area sono presenti abitazioni e un allaccio a utenza privata di gas metano.

Nel corso dell’attività investigativa, i Forestali hanno effettuato anche una perquisizione che ha portato al sequestro, oltre che di alcuni accendini, di una maglietta compatibile con quella indossata dal piromane durante l’innesco dell’incendio.