Rigopiano: unificati i due processi

Pescara. Sono stati ufficialmente riuniti i due procedimenti sul disastro dell’Hotel Rigopiano, travolto il 18 gennaio 2017 da una valanga che provocò 29 morti, e sul presunto depistaggio dell’inchiesta.

Lo ha deciso il gup del tribunale di Pescara, Gianluca Sarandrea, pochi minuti fa, durante la ripresa pomeridiana dell’udienza. Lo stesso Sarandrea ha accolto tutte le richieste di esclusione dal procedimento avanzate dai legali dei cinque responsabili civili Presidenza del Consiglio dei Ministri, ministero dell’Interno, Regione Abruzzo, Provincia di Pescara e Comune di Farindola, enti che erano chiamati a rispondere per eventuali risarcimenti di natura civile.

La decisione è legata alla mancata partecipazione delle parti agli accertamenti tecnici irripetibili effettuati nel corso dell’inchiesta madre.

“TRIBUNALE PESCARA INCOMPATIBILE”

“C’era la possibilità di tenere il processo in un palasport, nel cortile del tribunale o in questa situazione. Occorre prendere atto che la scelta fatta rappresenta un esperimento fallito e non conforme a quanto disposto dal codice di procedura penale. Bisogna iniziare a ragionare sulla possibilità Pescara non sia compatibile con questo processo”.

Così l’avvocato Romolo Reboa, che assiste i familiari di alcune vittime del disastro dell’Hotel Rigopiano, costituitesi parti civili nel procedimento in corso davanti al Gup del tribunale di Pescara, Gianluca Sarandrea, in merito alla decisione di tenere l’udienza in cinque aule distinte, contemporaneamente e in collegamento audio-video tra loro. Scelta dettata dalla necessità di rispettare il distanziamento sociale, alla luce dell’emergenza Covid, in un processo con oltre 250 persone, tra imputati, responsabili civili, parti civili e loro avvocati.

“Io in questo momento, se devo interloquire con uno dei miei assistiti, devo alzarmi e andare in un’altra aula per cercarlo, perdendo la possibilità di seguire il processo – ha proseguito Reboa – oppure se il mio assistito volesse parlare con me non potrebbe farlo, così come non è possibile concordare strategie di difesa con altri avvocati che si trovano altrove”.