L’Aquila, cade dal balcone per sfuggire alla violenza del compagno che viene arrestato

Gli agenti della Squadra Mobile de L’AQuila, nella giornata di ieri, ha dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip Baldovino de Sensi, su richiesta del Pm Roberta D’Avolio, a carico di L.I.R., 46enne di nazionalità rumena.

 

Il provvedimento eseguito è stato determinato all’esito dell’attività di indagine svolta dagli investigatori che hanno accertato numerosi episodi di offese, minacce, maltrattamenti e percosse all’interno dell’abitazione della vittima, con la quale l’uomo aveva una relazione affettiva e, dal mese di gennaio, un rapporto di convivenza; episodi che sono sfociati in lesioni anche gravi.

 

Infatti, lo scorso 9 dicembre, la donna, 44enne anch’ella di nazionalità rumena, per sottrarsi alla violenza inaudita da parte del convivente, si è rifugiata nel bagno e, al tentativo da parte di quest’ultimo di sfondare la porta, ha cercato di fuggire attraverso la finestra, perdendo la presa e precipitando da un’altezza di circa 7 metri, riportando gravi lesioni tanto da essere ricoverata in ospedale. L’uomo, con problemi di dipendenza da sostanze alcoliche, è accusato di aver sottoposto la donna a continui maltrattamenti e minacce, imponendole un regime di vita vessatorio e oppressivo, generando in lei un clima di costante timore per la sua incolumità.

 

Al termine degli adempimenti di rito lo stesso è stato tradotto nel carcere di Pescara. Il Questore, Gennaro Capoluongo parla di “Massima attenzione da parte delle Forze di Polizia e della Procura a tutti quegli episodi che minano l’incolumità di vittime vulnerabili, quali le donne, soprattutto in questo particolare periodo storico che genera situazioni di convivenza forzata a causa della pandemia in corso”.