L’Aquila, l’inchiesta si allarga al crollo di sette palazzine nel centro storico

Ultimo Aggiornamento: lunedì, 30 Ottobre 2017 @ 6:46

terremoto_LAquilaL’Aquila. La Procura della Repubblica de L’Aquila sta per definire le indagini sui crolli di sette condomini nella zona rossa. Già dalla prossima settimana potrebbero essere inviate numerose informazioni di garanzia. Il crollo delle palazzine del centro storico aquilano hanno causato la morte di 102 persone. Il Procuratore capo della Procura de L’Aquila Alfredo Rossini aveva predisposto dei sopralluoghi in alcune vie della zona rossa nei primi giorni di gennaio. I consulenti della Procura, accompagnati dai vigili del fuoco dagli uomini dell’interforza della polizia giudiziaria e da tecnici e legali di parte civile, avevano ispezionato le palazzine crollate in via Poggio Santa Maria, via XX Settembre, via Fossa e in via D’Annunzio.
I nuovi provvedimenti si andrebbero ad aggiungere ai tre filoni di inchiesta sui crolli causati dal sisma già definiti: Casa dello studente, Convitto nazionale, facoltà di ingegneria a Roio. Per il momento sono 26 le persone indagate per omicidio colposo, disastro colposo e lesioni.