- SPECIALE ELEZIONI -
6.5 C
Abruzzo
lunedì, Luglio 4, 2022
HomeNotizie ChietiPolitica ChietiOspedale San Pio di Vasto, visita ispettiva di Pietro Smargiassi

Ospedale San Pio di Vasto, visita ispettiva di Pietro Smargiassi

Ultimo Aggiornamento: mercoledì, 27 Aprile 2022 @ 12:22

“Carenze di personale e di strumentazioni. L’assenza di programmazione di giunta e Asl 02 ha creato una situazione inaccettabile”

Vasto. Carenza di personale, strumentazioni mancanti o inadeguate, oltre la metà di reparti con primari facenti funzione. È questo il quadro che emerge dalla visita ispettiva che il Presidente della Commissione di Vigilanza Pietro Smargiassi ha svolto questa mattina all’interno dell’Ospedale San Pio di Vasto. Afferma Smargiassi: “La completa assenza di una visione chiara in cui mandare la sanità del territorio si fa sentire sulla pelle di utenti e personale sanitario, che non riuscirò mai a ringraziare a sufficienza per l’enorme mole di lavoro che svolge ogni giorno nonostante le enormi criticità. Questo territorio ha bisogno di una Giunta regionale e di una Asl 02 che siano in grado di fare programmazione e investimenti. Invece finora abbiamo visto solo propaganda che non ha portato a nessun risultato. Il polverone mediatico creato sul nuovo Ospedale e le numerose conferenze stampa di presentazione sembrano dirci proprio questo: si fanno promesse a favore di telecamere, per poi abbandonare la struttura quando i riflettori si spengono. Inaccettabile”.

“Nel corso di questo visita istituzionale – prosegue Smargiassi – ho chiesto informazioni alla Dirigente Medico Francesca Tana e ai primari di alcuni reparti del presidio, in modo da avere un quadro completo della situazione. La problematica più grave, e che si ripropone di fatto in ogni Unità Operativa, è la carenza di personale. Una questione con cui il presidio di Vasto ha a che fare da anni, ma finora i vertici della sanità regionale non sembrano aver mai mostrato una reale volontà di cercare soluzioni percorribili. È così che ci troviamo con una carenza di 8 medici in Rianimazione, 4 in Ortopedia, 3 al Pronto Soccorso, 4 in Radiologia, 1 in Urologia, Gastroenterologia e Malattie Infettive. Inoltre in Neurologia e in Geriatria a stretto giro ci saranno carenze per 2 unità. Un quadro disarmante, che fa comprendere con chiarezza in quali condizioni sia lasciato il personale sanitario in servizio, che deve fare gli straordinari per garantire il più alto livello possibile di servizi. Il DG della Asl 02 Thomas Schael è perfettamente a conoscenza delle carenze, ma in questi mesi è stato in grado solamente di fare tanta propaganda. Non si vedono ancora quelle assunzioni promesse da tempo e questo è molto grave vista la situazione che si vive ogni giorno nelle corsie”.

“Al problema del personale – prosegue Smargiassi – si unisce quello che riguarda i primari. Non è accettabile che in una struttura come quella del San Pio di Vasto siano di fatto più i facenti funzione rispetto ai Direttori di Dipartimento con conferimento di incarico. In un ruolo così delicato è necessario avere medici con un mandato pieno in modo da fornire maggiore stabilità a tutto il reparto e limitare un senso di precarietà dato dall’inerzia su concorsi e nomine all’interno della Asl 02. A questo si aggiungono poi i vari problemi di strumentazione, con macchinari obsoleti, sotto numero o del tutto assenti in varie zone del presidio”.

Conclude infine Smargiassi: “L’Ospedale di Vasto è un presidio abbandonato dalla politica regionale. Perché questo quadro non è frutto della casualità o di momentanee contingenze sfortunate. Qui manca qualsiasi forma di programmazione. Finora la Asl ha lavorato su una centralizzazione che non sta portando benefici e che, soprattutto, mette con le spalle al muro tutta la sanità territoriale. Ci sono decine di migliaia di cittadini che hanno bisogno di un’azienda sanitaria e di una Giunta regionale che mettano gli operatori nelle migliori condizioni per lavorare. Questo adesso non avviene, e dopo oltre tre anni di legislatura di centrodestra non esistono più scuse accettabili per non portare a casa risultati. Non farò un passo indietro e utilizzerò ogni strumento a mia disposizione a tutela di utenti e personale. Il San Pio non è una passerella per campagne elettorali, ma un presidio di cui avere cura 365 giorni all’anno. È il momento che chi governa la regione porti a casa risultati concreti”.

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'