Ospedale Chieti, Febbo: ‘Project financing del centrosinistra progetto inutile e faraonico’

Chieti. “La non realizzazione del nuovo ospedale Sant’Annunziata di Chieti attraverso il milionario ed inutile Project financing è un altro obiettivo elettorale raggiunto, bloccando di fatto sia il piano di depauperamento della sanità teatina sia lo scippo, successivo, della sede della clinica Universitaria che il Partito Democratico tramite il Governo D’Alfonso-Paolucci consapevolmente ha portato avanti nel quinquennio 2014-2019”.

Questo il commento dell’assessore regionale Mauro Febbo che spiega quanto segue: “Bene invece ha fatto questo Governo regionale a bloccare prima e bocciare poi un progetto faraonico, inutile a livello sanitario ed insostenibile sul piano finanziario da parte della ASL e della stessa Regione. Qualcuno fa finta di dimenticare che lo stanziamento dei 30 milioni di euro erano solo di ‘facciata’ per giustificare la presunta validità del Piano Economico e Finanziario del Project financing ma in realtà erano stati sottratti impropriamente ed inopportunamente alla spesa sanitaria regionale, cosa che ho denunciato in più occasioni, ossia tolti ai servizi sanitari essenziali per i cittadini e dei pazienti. Ora invece – sottolinea Febbo – sull’ospedale di Chieti si interverrà attraverso un investimento di 35/40 milioni di euro per un nuovo Project financing puntuale e sostenibile che riguarderà esclusivamente la risoluzione delle criticità scaturite dalle due palazzine che hanno gravi problemi di staticità derivanti dall’utilizzo del cemento impoverito. A questo intervento va aggiunto la realizzazione di un nuovo, moderno e strategico parcheggio al servizio dell’ospedale e degno di una Città capoluogo qual è Chieti. Circa le ultime insinuazioni – conclude Febbo – arrivate da alcuni esponenti politici dimostrano di come non hanno affatto attenzione e cura per la Città di Chieti ed il suo ospedale. Per quanto mi riguarda continuerò a vigilare sulle vere esigenze di cui oggi ha veramente bisogno la sanità teatina pertanto avanti la realizzazione di progetti seri, concreti e soprattutto senza sprechi”.