- SPECIALE ELEZIONI -
6.5 C
Abruzzo
domenica, Luglio 3, 2022
HomeNotizie ChietiEconomia ChietiChieti, Ascom: 'Troppi centri commerciali strangoleranno la piccola distribuzione'

Chieti, Ascom: ‘Troppi centri commerciali strangoleranno la piccola distribuzione’

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 3 Novembre 2017 @ 1:37

Chieti. “L’economia di Chieti è a rischio, per via dell’apertura di nuovi centri commerciali nelle zone limitrofe della città. Il centro storico di Chieti, con l’ergersi di nuove strutture commerciali vedrà portarsi via una grossa fetta di utenza che invece di acquistare nei negozi del centro sarà invogliata a farlo in aree esterne alla città”.

 Si legge così in una nota di Ascom Abruzzo, che prosegue: “I lavori sono già iniziati da giorni per una mega struttura alle porte di Chieti in Via Masci e allo Scalo, in Via Pescara con la trasformazione del capannone di proprietà delle Poste. L’iniziativa, ha ricevuto il via libera del Consiglio comunale all’inizio del primo mandato del Sindaco Di Primio e sarebbero solo gli ultimi in ordine cronologico dei centri commerciali nella zona.
Chieti e la Val Pescara sono il territorio abruzzese con la più alta presenza di giganti commerciali di questo genere, in una Regione che come concentrazione di mega strutture commerciali non ha eguali in Italia. Infatti, secondo recenti studi, ogni mille abruzzesi ci sarebbero 205,45 metri quadrati di centri commerciali, a fronte dei 179,6 della seconda regione a più alta concentrazione, la Lombardia. Tra l’altro, la beffa, è che, benché esiste una moratoria regionale contro la costruzione dei nuovi centri commerciali, sotto un certo standard di grandezza, si può benissimo continuare a farlo. In Via Masci, alle porte della città verso Francavilla, nascerà il Parco Commerciale e direzionale “La Fornace”, costruito da Chiavaroli Costruzioni di Montesilvano. Il progetto, prevedrebbe, oltre il centro commerciale, tre lotti residenziali, un ampio parcheggio e un’area destinata a verde pubblico. L’intervento edilizio sarà su due piani.  A pian terreno ci saranno 2.167 metri quadri di area commerciale e 810 di area direzionale, per un totale di 2.977 mq. Al primo piano è previsto un parcheggio sopraelevato, un’area commerciale di 1.477 metri quadri, una direzionale di 238 metri quadri, per un totale di 1.715 metri quadri. Stessa riqualificazione commerciale, avrà il vecchio palazzo delle Poste, ora ristrutturato in Via Pescara, nel cuore di Chieti Scalo, dando un colpo mortale anche alla distribuzione al dettaglio della parte bassa della città che risente soprattutto dell’influenza di Megalò. Una situazione, quindi, che darà probabilmente il colpo di grazia ai negozi cittadini, soprattutto del centro storico, ma anche dello Scalo, dove le attività commerciali sono già state duramente provate dall’apertura del Megalò e questo con la responsabilità della politica che continua a essere, soprattutto con questa ultima amministrazione, non si sa il perché, non si sa come, molto sensibile all’apertura dei centri commerciali”.

 “Pertanto – conclude la note – per reagire a questa situazione che rischia di strangolare il piccolo commercio, proponiamo una tavola rotonda a cui prendano parte commercianti e residenti, in cui venga valutata l’organizzazione di un ciclo di eventi volti all’afflusso di utenti nel centro storico teatino e nelle principali arterie di Chieti Scalo, al fine di valorizzare le attività di queste aree della città che, in questo modo, non morirebbero e risentirebbero meno dei danni provocati dall’apertura di nuove strutture commerciali”.

ARTICOLI CORRELATI

RELATED ARTICLES

ALTRI ARTICOLI DI OGGI

NEWS DALLA TUA CITTA'