Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre. Marsilio chiede un anticipo per l’Immacolata

“Il ministro Speranza mi ha comunicato la proroga di una settimana della zona rossa per l’Abruzzo, dopo che la Cabina di Regia ha registrato anche questa settimana la permanenza in una fascia inferiore, nella logica di completare i 14 giorni di permanenza previsti dal DPCM vigente.

 

Il Ministro mi ha anticipato che nel Report della Cabina di Regia si dà atto positivamente del fatto che l’Abruzzo ha autonomamente anticipato di alcuni giorni l’adozione delle misure maggiormente restrittive. Questa tempestiva iniziativa ha contribuito ad accelerare il percorso di rientro dalla Scenario 4 (RT superiore a 1.5) all’attuale Scenario 1 (RT a 0.9).

Come già annunciato, continueremo a monitorare i dati nel fine settimana, e dopo la lettura dei dati di domenica pomeriggio, se il trend in miglioramento verrà confermato, proporrò di rivalutare la posizione della nostra Regione. L’obiettivo è anticipare l’uscita dalla zona rossa in tempo per riaprire le attività commerciali l’8 dicembre”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio.

 

Nel frattempo, sono rinnovate le misure restrittive vigenti relative alle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Lombardia e Piemonte. Lo prevede una delle 3 nuove ordinanze che saranno firmate dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati della Cabina di Regia tenutasi oggi. Saranno in vigore dal 6 dicembre.

In pratica, Piemonte e Lombardia restano arancioni come dalla scorsa settimana. In fascia arancione  restano anche Calabria e Basilicata. L’Abruzzo rimane in fascia
rossa.