Giulianova, l’Amicacci guarda avanti e prepara il futuro

Giulianova. “Piano piano stiamo cercando di ripartire. La pandemia in atto è il peggior attacco che avessimo mai pensato di affrontare. Tutti ci auguriamo che finisca ma questo virus maledettamente subdolo sta condizionando anche il nostro futuro. Bisogna restare all’erta e mai abbassare la guardia, usando cautela e imparando a conviverci. Siamo in una situazione di stallo ma bisogna reagire e pensare positivo, facendo di necessità virtù”.

Lo ha dichaira il Direttivo dell’ASD Amicacci, però parlando di sport, anzi della basket in carrozzina: “il Consiglio Federale FIPIC ha decretato la chiusura delle attività agonistiche del basket in carrozzina, prima di tante altre discipline. Ed in questo bisogna riconoscere lungimiranza e accortezza, per cui alla Federazione va il nostro plauso. Allo stesso tempo ha già iniziato un percorso di riapertura del prossimo Campionato, che prevede sgravi importanti su tasse federali ed altre novità, senza tralasciare un prezioso aiuto economico alle stesse. Il Comitato Italiano Paralimpico ha infatti deliberato, nel corso di una seduta straordinaria che ha visto la partecipazione del Ministro per lo Sport e le Politiche giovanili Vincenzo Spadafora e del Presidente del CONI Giovanni Malagò, uno stanziamento di 5 milioni di euro in favore delle Federazioni e Discipline Sportive che svolgono attività paralimpica. Chiaramente dei 5 milioni non sappiamo quale quota spetterà alla nostra Federazione ma è pur sempre un’atto molto importante”.

“Come saprete – aggiunge – tutta la squadra è ancora in sede e con il ripristino degli spostamenti tra le Regioni e la progressiva riapertura delle frontiere tutti gli atleti faranno ritorno a casa. Abbiamo provveduto ad iscrivere l’Amicacci al prossimo campionato di Serie A e stiamo lavorando ad una rosa di nomi che il nostro allenatore ci ha comunicato. Pensiamo di ringiovanire il roster e puntare al futuro insieme al nucleo storico autore di mille battaglie, a cominciare da Galliano Marchionni. In ambito internazionale la chiusura anticipata delle Coppe Europee ci garantisce la 9a posizione nel ranking. In settimana incontreremo il Sindaco di Giulianova Iwan Costantini e l’Assessore allo Sport Federico Taralli per definire il nostro rientro al Palacastrum. Chiaramente la preoccupazione maggiore viene dalle finanze, consapevoli dei sacrifici che tutti dovranno affrontare. L’Amicacci è una società che vive e prospera esclusivamente grazie agli sponsor, quindi abbiamo ripreso a contattare i nostri partner commerciali. Stiamo anche organizzando incontri con la Regione, al fine di veicolare sulle nostre maglie il logo per la promozione turistica dell’Abruzzo”.

“Inoltre siamo concentrati sulla necessità di interventi strutturali alla nostra sede ed anche su questo fronte siamo operativi. Chiudiamo rivolgendo un sentito ringraziamento al nostro Sindaco per il supporto datoci in un momento particolarmente difficile. Insieme ce la faremo”, conclude il Direttivo.