Martinsicuro, sconti della Tari alle imprese colpite dal Covid: in bilancio fondo da oltre 120mila euro

Martinsicuro. Nella manovra di bilancio 2021 del Comune di Martinsicuro saranno previste numerose iniziative di sostegno sui temi legati al sociale, al mondo della scuola e dell’istruzione, a favore delle misure sanitarie di contenimento epidemiologico.

 

Anche quest’anno, sulla scorta di quanto programmato per il 2020, abbiamo scelto di venire incontro e sostenere le tante attività legate al mondo dell’impresa che sono vittime delle conseguenze generate dall’attuale emergenza sanitaria che ha colpito e colpisce tuttora l’intero Paese” dichiarano il sindaco Massimo Vagnoni e l’assessore al bilancio e alla finanze Alduino Tommolini.

In una nota, infatti,  due amministratori anticipano alcune delle misure che saranno contenute nel bilancio di previsione che sarà portato in approvazione in consiglio comunale il prossimo 23 aprile.

 

Come amministrazione comunale lo avevamo già fatto nel 2020, attraverso una serie di misure tra le quali l’introduzione di uno sconto sulla bolletta della tassa rifiuti, e lo faremo nuovamente anche quest’anno, convinti che sia importante stare vicino ai nostri concittadini ora che ne hanno maggiormente bisogno” proseguono gli amministratori truentini. “Abbiamo infatti introdotto nella manovra una previsione di sconti sulle bollette della tassa rifiuti anno 2021 relativa alle attività d’impresa che stanno subendo e subiranno danni a causa della pandemia per la somma complessiva di 123.000 euro circa”.

 

Tutto questo è stato programmato nell’ottica di continuare a fornire un aiuto concreto ed essere presenti al fianco di chi ha subito danni per chiusure forzate causa covid. In questo senso raccogliamo con piacere lo stimolo del gruppo consigliare di Fratelli d’Italia a Martinsicuro su questo tema e, allo stesso tempo, ci sentiamo di rassicurarlo sul fatto che, come abbiamo già fatto in passato, sin dal nostro insediamento come amministrazione comunale, continueremo a percorrere la strada del sostegno all’economia reale, e delle difesa dei posti di lavoro che da essa vengono creati, utilizzando al meglio le manovre di bilancio e le tecniche di programmazione finanziaria a nostra di disposizione” concludono Vagnoni e Tommolini.