Pescara: “Un nuovo ecomostro sulla riviera nord”

Ultimo Aggiornamento: mercoledì, 16 Giugno 2021 @ 10:25

Pescara. “Un ecomostro sostituito da uno più grande”: a lanciare l’allarme per la riviera Nord di Pescara è Maurizio Acerbo, segretario nazionale di rifondazione comunista, ex-consigliere comunale e regionale.

“Sulla riviera nord a Pescara, di fronte allo stabilimento Onda Marina, c’era lo scheletro di un ecomostro che doveva essere abbattuto”, riferisce Acerbo, “Poi è accaduto che la Regione Abruzzo e il Comune hanno recepito i consigli dell’ANCE, l’associazione dei costruttori. Il risultato è che al posto dell’abuso edilizio si sta costruendo un edificio ancor più ingombrante con cementificazione di tutto il lotto e a distanza ravvicinata dagli edifici confinanti”.
“Ormai si va tranquillamente in deroga al Prg, si aumentano le volumetrie e non c’è più neanche l’obbligo di lasciare una porzione di suolo permeabile. Sarebbe il caso di cambiare legge regionale e delibere comunali. Inviterei il sindaco, la giunta e il consiglio comunale a rifletterci su”, conclude.