-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Mercurio nei pesci, la Regione ai sindaci della Val Pescara: “Stop alla pesca”

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 26 Ottobre 2017 @ 18:23

Bussi. La Regione Abruzzo chiede ai comuni della val Pescara di emanare specifiche ordinanze di divieto di pesca ad uso alimentare lungo tutto il fiume Pescara da Bussi alla foce, ammettendo solo la pesca “no kill” con rilascio immediato del pescato.

Il provvedimento, notificato il 10 novembre ai sindaci di Bussi, Castiglione a Casauria, Tocco da Casauria, Torre de Passeri, Bolognano, Scafa, Turrivalignani, Alanno, Rosciano, Manoppello, Chieti, San Giovanni Teatino, Spolore e Pescara, si è reso necessario dopo il rilevamento dei dati riguardanti la presenza di mercurio e altri contaminanti nei pesci da parte dell’Istituto Zooprofilattico di Teramo, con uno studio relativo ai tratti di fiume ricompresi nel Sito Nazionale di Bonifica della discarica di Bussi.
Nella nota,  a firma del responsabile dell’Ufficio Sanità veterinaria Bucciarelli, si richiede di estendere il divieto al resto del fiume da Bussi alla foce per un arco temporale di almeno sei mesi in attesa di ulteriori approfondimenti.

letteraregionesanita_pesci_pag_3_novembre-2016_segnata_estratto
Interenendo sul caso, “Il Forum H2O chiede ora ai sindaci non solo di emanare le ordinanze di divieto ma di assicurare un’informazione capillare e una sorveglianza adeguata, in considerazione del fatto che ci sono anche stranieri che frequentano l’asta del fiume per procurare cibo alle loto famiglie, bambini compresi, pescando”.

Intanto è arrivata anche la convocazione del Ministero dell’Ambiente per la conferenza dei servizi del 30 novembre, con all’ordine del giorno numerosissimi punti di fondamentale importanza:”Basta leggere i nomi dei soggetti privati per le aree del SIN che da otto anni attendono addirittura l’espletamento delle propedeutiche indagini di caratterizzazione per capire come siano del tutto inaccettabili i ritardi accumulatisi”, conclude il Forum H2o, “: si va da Terna a Anas, da Enel (per la fondamentale area della Diga di Alanno piena di sedimenti) a Strada dei Parchi”.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,934FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate