Pensione, attenzione perché può essere revocata: l’Inps fa chiarezza, meglio correre ai ripari

La pensione può essere revocata? La risposta sfortunatamente è sì. Ecco quali sono le norme da seguire in merito. 

Sappiamo bene che è uno dei pilastri della sicurezza finanziaria per molti cittadini anziani, rappresenta il frutto di anni di lavoro e contributi. Tuttavia, esistono situazioni in cui questo importante beneficio potrebbe essere sospeso o addirittura revocato, con conseguente obbligo di restituire le somme già percepite.

quando pensione è revocata
La pensione può essere revocata in alcuni casi – Abruzzo.cityrumors.it

Due casi recenti hanno attirato l’attenzione su questa questione, entrambi caratterizzati dalla perdita della pensione e dall’obbligo di restituire i pagamenti già effettuati. Nel primo caso, un cittadino altoatesino è stato colpito da questa situazione dopo aver svolto un solo giorno di lavoro come comparsa in un film, mentre nel secondo caso, un cittadino veneto ha perso la pensione a causa dei redditi derivanti da lavoro tra giugno e ottobre. Vediamo quali sono le normative in merito e come fare per evitare che ciò accada.

Cosa dice la Legge

La normativa vigente è chiara nel stabilire che le pensioni Quota 100, Quota 102 e le pensioni anticipate flessibili non possono essere cumulate con redditi da lavoro dipendente o autonomo fino al raggiungimento dei requisiti per la pensione di vecchiaia.

Questo significa che se un pensionato continua a lavorare dopo aver iniziato a percepire la pensione, potrebbe rischiare di perdere il trattamento pensionistico e di dover restituire le somme già percepite. Un punto importante da sottolineare è l’eccezione prevista per il lavoro autonomo occasionale, con un limite di guadagno annuo di 5.000 euro lordi.

quando Inps revoca la pensione
La pensione può essere revocata se si continua a lavorare dopo il pensionato – Abruzzo.cityrumors.it

Tuttavia, anche in questo caso, superato tale limite, la pensione potrebbe essere sospesa e i pagamenti già effettuati potrebbero dover essere restituiti.

La Corte Costituzionale ha confermato la legittimità di questa disposizione, sostenendo che il legislatore ha il diritto di richiedere ai pensionati di uscire dal mercato del lavoro per garantire la sostenibilità del sistema previdenziale e favorire il ricambio generazionale.

Questo principio si basa sull’idea che i pensionati dovrebbero godere di un periodo di meritato riposo dopo anni di lavoro, consentendo anche ai più giovani di accedere al mondo del lavoro in modo più agevole. È fondamentale che i pensionati siano consapevoli di queste regole e delle conseguenze che potrebbero derivare dal continuare a lavorare dopo aver iniziato a percepire la pensione.

È compito dell’INPS informare chiaramente i beneficiari dei trattamenti pensionistici di queste norme al momento della liquidazione della pensione, per evitare equivoci e garantire il rispetto della legge.

In conclusione, la pensione può essere revocata se il pensionato continua a lavorare oltre i limiti stabiliti dalla legge. È fondamentale rispettare le normative vigenti per evitare di perdere il trattamento pensionistico e dover restituire le somme già percepite, garantendo così la stabilità finanziaria e il benessere dei cittadini anziani.

Impostazioni privacy