Elezioni, tour elettorale di Giorgetti (Lega) in Abruzzo

Giancarlo Giorgetti, il vicesegretario di Lega – Salvini Premier, oggi alla sua prima giornata di visita in Abruzzo, ha fatto tappa ad Avezzano e L’Aquila.

 

Giorgetti arriva a una settimana dall’apertura ufficiale della campagna elettorale da parte di Salvini, e ribadisce le forti aspettative che, in termini di risultati, si aspetta dal voto abruzzese.

 

 

 

“Noi puntiamo tanto sull’Abruzzo, perché c’è stata una grande risposta: sembrava che questa regione aspettasse Salvini, aspettasse la Lega. Ci sono tanti problemi, oggi abbiamo ascoltato la voce delle lavoratrici sfruttate nel mondo delle cooperative, ascoltiamo i lamenti di un territorio che merita risposte. La Lega è qui proprio per dare risposte”.

 

 

 

Di fronte ai tanti temi che si intersecano in una campagna elettorale breve e nel segno di nuove regole, Giorgetti rivendica per la Lega un ruolo leader:

 

 

 

“La campagna elettorale è sgangherata per chi non ha idee. Noi abbiamo contaminato positivamente tutto il programma del centrodestra: il tema dell’immigrazione, la critica all’Europa, la necessità di attenzione al lavoro vero, e non al lavoro assistito, attraverso una nuova fiscalità, sono proposte che arrivano dalla Lega. Adesso manca la ciliegina sulla torta, che il centrodestra vinca e soprattutto che la Lega sia il primo partito del centrodestra”.

 

 

 

Una rete di progetti in cui ci sarà spazio anche per le istanze poste dagli abruzzesi.”Aspettate il 5 marzo, forse il 6, visto il tempo che ci vorrà per tirare le somme con questa legge elettorale: vedrete che la Lega avrà grandi soddisfazioni elettorali e darà all’Abruzzo grandi soddisfazioni in termini di risultati in cinque anni di futuro governo. Anche Luigi D’Eramo, presente nel proporzionale alla Camera,  avrà la possibilità di lavorare, dovrà lavorare per L’Aquila”.

 

 

 

Giorgetti arriva in Abruzzo per sostenere tutte le candidature di quelle persone che hanno deciso di impegnarsi, con il movimento di Salvini, per dare un nuovo futuro a questa regione.

“Vedere una sala così gremita – sottolinea il coordinatore regionale Giuseppe Bellachioma, candidato nel proporzionale Camera in tutti e due i collegi abruzzesi – in un momento in cui le persone si allontanano dalla politica significa che, al di là di quello che stiamo facendo, c’è nell’aria una nuova speranza. E noi speriamo di vincere questa battaglia: perché le elezioni del 4 marzo saranno una battaglia. Speriamo che gli italiani abbiano compreso quello che è successo negli ultimi otto anni. Ringrazio l’amico Alberto Bagnai che ha dimostrato che tutto quello che sta facendo questo partito, e porta il nome di Salvini, è una cosa normale.

 

Questo è un partito normale, fatto da persone normali che hanno deciso di metterci la faccia. In quello che stiamo facendo  – conclude Bellachioma – ci mettiamo la ragione, ma anche il cuore. Vogliamo dare speranza a una regione che non ha mai chiesto niente, ma che ora più che mai vuole l’opportunità di rimboccarsi le maniche e di ripartire, dopo lo scempio di una politica regionale copia e incolla di un governo incapace, che ha portato la nostra nazione a un degrado economico, sociale, ma soprattutto morale che non ha precedenti”.