-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Teramo, collegio Ruzzo. “Dal sindaco parole surreali e pretestuose”

Ultimo Aggiornamento: martedì, 22 Dicembre 2020 @ 20:13

Teramo. Pronta la replica alle dichiarazioni del Sindaco di Teramo sul nuovo Collegio sindacale del Ruzzo. E a parlare sono proprio i componenti eletti: i dottori Federico Iachini, Massimo Mancinelli e Antonella Coduti.

“Prendiamo atto delle parole del Sindaco di Teramo con le quali viene criticato il modus operandi relativo all’elezione dei componenti del Collegio Sindacale. Orbene, un conto è l’aspetto legato alla sua personalissima battaglia politica all’interno della Ruzzo Reti S.p.A.– nella quale non vogliamo entrare in alcun modo – un altro, invece, è l’attribuzione di una appartenenza politica ai membri del collegio sindacale – cosa non condivisibile in quanto il Sindaco non conosce affatto le nostre storie personali e non è accettabile che entri in discorsi a lui sconosciuti”.

E ancora: “La cosa che desta più perplessità è il mettere in dubbio “la nostra neutralità, il nostro potere di vigilanza e di controllo sullo stato di salute della Società”: questo è professionalmente e eticamente del tutto inaccettabile. Il sindaco di Teramo, quale rappresentante del nostro capoluogo, mette in cattiva luce l’intera comunità teramana mettendo in discussione l’integrità professionale e l’imparzialità a priori dell’intero collegio”.

“L’incarico ricevuto ci onora e, senza ombra di dubbio, verrà svolto nel rispetto dei principi deontologici che caratterizzano il nostro ufficio e la nostra professione. Ci auguriamo che tali argomentazioni, surreali e pretestuose, non vengano più riproposte”, conclude il Collegio sindacale del Ruzzo.

La replica del Sindaco D’Alberto

“Leggo con stupore, misto a un po’ di preoccupazione, le dichiarazioni del neo-eletto Collegio Sindacale della Ruzzo Reti. Stupisce come un organo tecnico e terzo – quale appunto il Collegio Sindacale dovrebbe essere – senta il dovere di entrare nel dibattito politico, istituzionale e societario della società della cui attività è chiamato a valutare gestione, conti e attività che si riverberano sui cittadini, chiamati a pagare le tariffe.
Stiano sereni, i componenti, e pensino tranquillamente a svolgere il delicato lavoro che li attende. Non sono state messe in discussione la competenza e la professionalità dei membri nominati ma sul piano del metodo è stato profondamente contestato, dal sottoscritto e da altri soci di diverse appartenenze, il percorso che ha condotto alla loro nomina, privo di qualsiasi forma di dialogo, confronto e di ampio coinvolgimento; questo anche nel rispetto della professionalità e della competenza di tutti coloro che avevano avanzato la candidatura. Dialogo e confronto che invece sarebbero stati necessari per l’elezione di un organismo di garanzia, la cui scelta ha totalmente escluso oltre che la città capoluogo di provincia, che è maggior azionista, anche altri importanti soci e sindaci del territorio. Si è preso atto con rammarico dell’occasione persa da parte dell’assemblea nella giornata di ieri. Nel forte e convinto auspicio che l’organo tecnico collegiale torni e resti nell’alveo di competenza, si torna ad augurare a ciascun componente buon lavoro per una attività di controllo interno di una società al cui futuro teniamo tutti; società che vive negli ultimi tempi tante difficoltà più volte rilevate dagli organi di controllo esterni, ai cui moniti si spera finalmente si voglia dar seguito”.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,933FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate