Tortoreto, i potenziali rischi del fosso Cavatassi: “intervenire subito” FOTO

Tortoreto. La vegetazione spontanea, in alcun tratti, sembra aver quasi cancellato il percorso originario del Fosso Cavatassi, che nel suo disegno raccoglie le acque dell’omonima frazione di Tortoreto, con i suoi affluenti e che arriva fino al Salinello, attraversando la provinciale 8.

 

Una manutenzione che manca, oramai da troppo tempo, e che pone il fosse in questione come una potenziale insidia per una serie di civili abitazioni e attività artigianali che si trovano in corrispondenza. Le foto, nel caso di specie, sono emblematiche e evidenzino l’urgenza nel pianificare un intervento di sistemazione e messa in sicurezza.

A sollecitare un intervento sul fosso è Domenico Di Matteo, consigliere comunale di minoranza, che accende i riflettori sull’unico fosso demaniale presente nel territorio tortoretano. “Il fosso così come è ridotto”, sottolinea il capogruppo di Obiettivo Tortoreto, “ è una potenziale insidia e dunque bisogna intervenire in maniera urgente. In quella zona insistono abitazioni e attività artigianali e in caso di forti piogge il rischio di allagamenti aumenta.

 

Lancio un appello e chi di dovere di intervenire con estrema sollecitudine per eliminare le situazioni di pericolo. L’amministrazione guidata dal sindaco Piccioni si faccia carico di sollecitare chi di dovere o in alternativa di effettuare gli interventi di pulizia del fosso”.