Teramo, presentato “e-Costa”. Insieme Provincia e i 7 Comuni della costa guardando al futuro

Teramo. Nasce il progetto “e-Costa” che mette in campo la Provincia di Teramo e i sette Comuni della fascia costiera per un programma innovativo con partecipazione ad un’attività di alta formazione con scambi europei su temi importanti che riguardano ad esempio il turismo, l’innovazione, lo sviluppo di idee progettuali da presentare a finanziamento anche attraverso l’intervento di investitori privati.

Quello messo in campo dalla Provincia e dai Comuni, con Silvi capofila, è risultato essere uno dei progetti più interessanti su 130 presentanti di 192 città di 20 Paesi dell’Unione Europea. Ne sono stati scelti alla fine 88, fra questi quello dell’Associazione Temporanea di Scopo “Città della Costa”.

Comuni partecipanti:

Silvi (capofila) – Martinsicuro – Alba Adriatica – Tortoreto – Giulianova – Roseto degli Abruzzi – Pineto

Partner di progetto istituzionali:

Provincia di Teramo – ANCE Teramo – ANFFAS – Camera di Commercio Teramo – Conflavoro PMI Teramo – Confcommercio Teramo – FIAB – Flag Costa Blu – GAL Terreverdi Teramane – Istituto Istruzione Superiore “Moretti” – Ordine degli Architetti di Teramo – Università degli Studi di Teramo – Università degli Studi di Camerino

Il progetto è stato presentato questa mattina nella sala consiliare della Provincia nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte i rappresentanti istituzionali dei Comuni interessati, il consigliere provinciale delegato all’urbanistica Lanfranco Cardinale, Giuliano Di Flavio (settore Pianificazione del Territorio ed Urbanistica della Provincia di Teramo) e Mauro Vanni, coordinatore generale delle attività progettuali. I progetti della costa teramana sono seguiti, per delega del presidente, dalla consigliera provinciale Beta Costantini.

In sistema delle Città costiere si trova ad affrontare tre sfide principali:

• mancanza di consapevolezza delle potenzialità e di attuazione/applicazione di politiche di crescita;

• competenze, formazione e istruzione insufficienti;

• mancanza di coordinamento multi-attore, multistakeholder e di governance multilivello.

Obiettivi della formazione/progettazione

Miigliorare la qualità dell’ambiente e la sicurezza, in particolare affrontando i problemi collegati alla gestione dei flussi turistici e della mobilità, all’organizzazione degli spazi urbani, all’uso dello spazio e ai cambiamenti climatici; rafforzare le competenze digitali nella pubblica amministrazione e nelle imprese, aumentando la digitalizzazione dei servizi; responsabilizzare i cittadini come agenti di cambiamento, promuovendo la cittadinanza digitale (cittadinanza intelligente) basata sul saper usare nuovi strumenti di accesso, di disponibilità dei dati e di informazioni in un modo consapevole.

Anche a causa della sfida COVID19, le città partecipanti devono ripensare, accelerare e attuare una strategia di digitalizzazione per aumentare la resilienza e ottimizzare i processi aziendali allo stesso tempo.

Attualmente, i comuni delle “città costiere” stanno lavorando principalmente a progetti secondo una logica settoriale e senza alcun riferimento a una visione strategica a lungo termine. Inoltre, il livello di collaborazione pubblico-privato è spesso limitata a una semplice relazione con il cliente, senza creare partnership stabili. Infine, l’uso delle tecnologie digitali è ancora limitato e c’è una proliferazione di soluzioni che spesso non sono molto coerenti o compatibili l’un l’altra. Inoltre, sebbene alcuni comuni abbiano precedenti esperienze con iniziative e programmi europei, l’ATS nel suo insieme non ha ancora avuto l’opportunità di agire collettivamente e in modo unificato.

Partecipando all’iniziativa ICC, le Città costiere saranno in grado di: llineare le pratiche locali alla politica / regolamentazione dell’UE; – entrare in una rete internazionale per condividere esperienze, apprendere e avere accesso alle soluzioni innovative per la transizione verde e digitale; acquisire una visibilità “europea” che consenta all’area locale di attrarre talenti, idee, imprese e visitatori / turisti internazionali; offrire nuove opportunità di apprendimento e prospettive di sviluppo a cittadini e imprese; sviluppare piani di investimento comuni al fine di mobilitare risorse pubbliche e private; migliorare la capacità di accesso alle opportunità di finanziamento europee, grazie a strategie, partenariati e approcci di pianificazione innovativi.

L’ATS, per la realizzazione del progetto, riceverà un sostegno personalizzato e completamente gratuito da un team dedicato di esperti per progettare e implementare iniziative e, inoltre, un’opportunità unica per costruire reti interurbane e collaborazioni con colleghi di pari livello in Europa e oltre.

Inoltre, l’ATS avrà accesso:

• Consulenza di esperti su misura per la città: gli specialisti regionali forniranno un programma basato sull’esperienza collettiva di oltre 100 strategie di città intelligenti, su misura per le più grandi questioni tematiche per il territorio. Ciò includerà una serie di visite locali nelle città e incontri con le parti interessate dell’ecosistema;

• Convenzioni della comunità per un’azione over talk: ascolto di oratori di livello mondiale, formazione mirata; impegno in azioni condivise;

• Ottenere indicazioni sulle migliori pratiche sui fattori abilitanti chiave (ad es. Creazione di valore dai dati aperti, abbattimento delle barriere di mercato per le PMI, ricerca di nuovi modelli di business orientati ai risultati). Utilizza anche strumenti innovativi per coinvolgere i cittadini nel comprendere le loro opinioni e aiutarli a monitorare i tuoi progressi;

• Mentoring per creare partenariati in patria e all’estero: si otterrà una guida dedicata dalle città più innovative dell’UE, che possono guidare nel tuo viaggio e collegarti con le proprie soluzioni. Si potrà anche interagire con i partecipanti globali per imparare e creare nuovi mercati.

Durata del progetto: da Settembre 2020 a Luglio/Settembre 2022