Martinsicuro rinuncia al ripascimento: poco tempo per intervenire

Martinsicuro. Dei segnali, in questa direzione, erano già emersi. Ora, però, nella stagione turistica che si preannuncia come quella più incerta di sempre, Martinsicuro decide definitivamente di rinunciare al ripascimento nella stagione 2020.

 

I tempi ristretti (dopo la decisione della Regione di delegare l’operazione ai Comuni), e i fondi non straordinari per l’estate in corso (circa 150mila euro), hanno consigliato all’amministrazione comunale, dopo un incontro con gli operatori, di differire tutta l’operazione nel 2021. In quella data potrà essere utilizzata tutta la somma, i 450mila euro stanziati dalla Regione, per riportare sugli arenili una quantità di sabbia molto più sostanziosa e programmare il tutto con più calma.

 

Effettuare il ripascimento ora, infatti, con la necessità di sbrigare le procedure di gara previste (più che ripascimento si parlava di ripristino) con tempi contingentati, avrebbe poi prodotto un rischio: operare con le ruspe in spiaggia tra la fine di giugno e luglio, con ombrelloni già collocati e turisti in spiaggia. Situazione, peraltro, che già in passato, si era verificata. Per questo motivo, tutte le operazioni di riporto della sabbia, nelle zone di Martinsicuro centro e Villa Rosa sud sono state differite al prossimo anno.