-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Colonnella, vertenza ATR ancora un rinvio per gli stipendi: revisori chiedono messa in liquidazione dell’azienda

Ultimo Aggiornamento: giovedì, 7 Maggio 2020 @ 17:19

Colonnella. Una lettera, con toni giudicati offensivi nei confronti dei 150 lavoratori, nella quale indica due nuove scadenze per il pagamento degli stipendi arretrati: 20 maggio e 15 giugno.

 

La riunione in videoconferenza con la prefettura, di questo pomeriggio, sulla vertenza ATR di Colonnella, ha riservato un ennesimo passaggio a vuoto. Il presidente dell’azienda, Antonio Di Murro, nemmeno presente all’incontro, ha fatto pervenire una lettera con la quale ha in pratica sconfessato i precedenti impegni presi, fissando due nuove scadenza per il pagamento delle 4 mensilità pregresse.

 

 

“Adesso basta, non se ne può più dell’azione di chi sta causando soltanto gravissime conseguenze economiche e sociali sulla pelle di gente disperata ed esasperata”, tuonano in una nota le segreterie di Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil.

 

“Nella lettera, peraltro, è venuto fuori che il Sindaco Revisore ha chiesto al Tribunale de L’Aquila la messa in liquidazione dell’azienda e che il 18 maggio ci sarà la prima udienza”, si legge ancora. “Che potesse esserci questo rischio FIM, FIOM e UILM, lo avevano anticipato mesi fa all’azienda durante una riunione in regione chiedendo un’immediata ricapitalizzazione, ma né Di Murro, né il suo collaboratore Carlo Ugolini (dirigente CONFSAL), dettero peso alla cosa deridendo chi poneva la questione.

 

Oggi, quindi, la proprietà non ci venga a dire che va evitata la messa in liquidazione perché questo mette a rischio l’occupazione degli attuali 100 dipendenti di ATR: è Di Murro con la sua gestione ad aver messo sul lastrico lavoratrici e lavoratori ed in pericolo il loro posto di lavoro.

 

FIM, FIOM e UILM di Teramo, hanno chiesto, in maniera perentoria, che lunedì l’ATR paghi almeno due stipendi e, se così non dovesse essere, Antonio Di Murro si faccia subito da parte e liberi l’azienda dalla sua dannosa presenza”.

 

Per verificare se questa richiesta verrà accolta ed informare sulle azioni che saranno poi intraprese, lunedì 11 maggio 2020 alle ore 10.30 nella sede della CISL di Teramo, si terrà una conferenza stampa dei segretari provinciali.

 

 

 

 

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,932FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate