Civitella del Tronto, il WWF Teramo sulla cava a Villa Passo: “Un paesaggio straordinario nuovamente a rischio”

Civitella del Tronto. Il WWF Teramo interviene sulla nuova possibile cava: “È in discussione la realizzazione di una nuova cava nel territorio di Civitella del Tronto
nella frazione di Villa Passo. Un paesaggio straordinario con lo sfondo della storica Fortezza e dell’abbazia di Montesanto, riconosciuto come area di interesse archeologico, verrebbe irrimediabilmente deturpato dall’ennesima cava.”

Questa la premessa del WWF Teramo che poi continua:

“È bene ricordare che la Regione Abruzzo è priva di un Piano Regionale Attività Estrattive da circa quarant’anni! La passata Giunta regionale aveva adottato un Piano che, però, non è mai stato approvato in maniera definitiva.

Quasi quattro decenni di cave, realizzate senza
una pianificazione regionale, rappresentano un vero e proprio delitto nei confronti del territorio abruzzese. E il comune di Civitella del Tronto ha già pagato un prezzo altissimo per questa mancanza di regole e pianificazione: sono tante le cave realizzate nel corso degli anni, molte delle quali purtroppo mai recuperate e ripristinate.

La nuova cava proposta andrebbe ad aggredire anche una delle poche aree finora rimaste integre che meriterebbero una valorizzazione ambientale e turistica vista anche la presenza del vicino Parco Nazionale.

Non è possibile continuare ad intervenire in questo modo. I principi dell’economia circolare
ormai impongono all’Italia e quindi a tutte le regioni, compresa la nostra, di adottare
politiche di consumo zero del territorio, che puntino quindi al recupero dell’esistente e non
alla continua distruzione del paesaggio con nuove cave per avere materiale inerte.

L’impatto delle attività estrattive è tra i più forti che si possono immaginare: lo scavo e la
rimozione di enormi quantità di terra comportano un vero stravolgimento del contesto
ambientale e paesaggistico, inoltre l’aumento del traffico, causato dal continuo passaggio di
mezzi pesanti per portare via il materiale scavato, determina problemi alla viabilità e
all’aria.

Sono poi evidenti il danno di immagine e la perdita di attrattiva per un territorio
come quello del comune di Civitella del Tronto che, forte delle sue eccellenze, dovrebbe
puntare proprio sul turismo di qualità.

È necessario l’impegno di tutti per evitare la perdita di identità di questi luoghi. Il WWF
Teramo si unisce alla protesta degli abitanti di Villa Passo e di tutti coloro che vogliono
fermare questo ennesimo scempio, tornando a chiedere che, al contrario, si avvii il
recupero delle tante “ferite” ancora presenti su questo territorio.”

Queste quindi le parole del WWF Teramo a difesa del territorio civitellese e dei cittadini di Villa Passo.