martedì, Ottobre 4, 2022
HomeNotizie TeramoCronaca TeramoAlba Adriatica, presidio del comitato pro pineta: domenica raccolta firme

Alba Adriatica, presidio del comitato pro pineta: domenica raccolta firme

Alba Adriatica. Un presidio per proseguire la raccolta delle firme per dire di no al taglio degli alberi nella pineta litoranea.

 

Il comitato Pro-pineta, assieme alle associazioni ambientaliste e cittadini che si oppongono al progetto del nuovo lungomare Marconi, ha organizzato un gazebo per domenica 21 agosto, a partire dalle 9.30, nella piazzetta adiacente via Abruzzi per proseguire la raccolta di firme.

Il comitato si prefigge l’obiettivo di superare le 1000 firme, non avendo ricevuto nessuna comunicazione da parte dell’amministrazione comunale”, si legge in una nota. Il Comitato , forte e reso edotto da esperienze passate, in cui si avanzavano promesse verbali e non ratificate dagli uffici competenti comunali, non si fida e va avanti nella raccolta delle firme, fino a quando il Sindaco Antonietta Casciotti e l’assessore all’ambiente Nicolino Colonnelli, non convocheranno una riunione aperta, con la partecipazione di comitati e associazioni, per discutere del vero progetto agli Atti ed eventuali varianti.

Il comitato fornisce ulteriori numeri rispetto a quelle che saranno le operazioni previste nella pineta.

A noi interessa per ora impedire il taglio di più di 380 alberi, parte della pineta, 205 pini secolari, e parte del lungomare, almeno altri 175, per dare spazio a cemento, passeggiate, piste e infrastrutture, che andrebbero a comporre il nuovo progetto del lungomare Marconi”, commenta Giuliano Marsili. “Secondo la copia del progetto in possesso del Comitato, l’amministrazione di Alba intende spendere più di 7 milioni di euro, per abbattere 205 pini secolari della pineta, in pratica due file intere lato mare, per realizzare una pista ciclabile , riempiendo di cemento la parte della pineta, ora posizionata a 2 metri sotto il livello stradale. Il progetto prevedrebbe anche l’abbattimento dei pioppi, tamerici, ailanti e altre specie presenti sul lungomare, circa altri 175 alberi, per dare spazio a cemento e infrastrutture varie”.

BREAKING NEWS PIU' LETTE

ARTICOLI SUGGERITI

RELATED ARTICLES