Pescara, una piattaforma online per monitorare il trasporto scolastico

Pescara. Una piattaforma online, che è già nella disponibilità dell’amministrazione comunale, sarà messa a disposizione degli istituti scolastici dell’area vasta di Pescara, in modo da monitorare e programmare con la maggiore affidabilità possibile il servizio di trasporto pubblico urbano alla ripresa delle lezioni.

L’iniziativa è stata illustrata questa mattina dall’assessore alla Mobilità, Luigi Albore Mascia, nel corso della riunione con i mobility manager delle scuole a cui hanno preso parte anche la vicepresidente del Consiglio comunale Stefania Catalano, rappresentanti di Regione Abruzzo, Tua, Trenitalia e la società Movesion che ha progettato la piattaforma e i rappresentanti di diciassette istituti scolastici.

“Si tratta di un contributo che come amministrazione vogliamo dare per aggregare intorno a un progetto comune tutti gli istituti del territorio, tenendo conto che la necessità di progettare un servizio efficiente non è ristretta al territorio comunale di Pescara, ma si allarga a tutti quei piccoli e grandi centri, anche fuori provincia, che hanno la nostra città come riferimento”, ha sottolineato l’assessore Albore Mascia.

In effetti il problema è proprio quello di avere un quadro di riferimento accurato delle necessità del territorio, alla luce delle restrizioni attuali e future, previste dalla normativa anticontagio. Per Tua, come ribadito dal dirigente Raffaele Piscitelli, resta comunque il limite di carico dei mezzi che è ridotto al 60% della capienza, per questo considera necessaria una razionalizzazione degli orari di ingresso e di uscita che consentano da un lato di evitare assembramenti dall’altro di non avere un numero eccessivo di corse.

Il sistema di acquisizione dei dati è stato illustrato dall’ingegner Simone Carrarini: “Si tratta di uno strumento particolarmente flessibile, tarabile sulle esigenze del territorio, che consente di acquisire tutti i dati relativi alla mobilità di ogni singolo istituto, acquisendo direttamente dagli interessati, gli studenti o le loro famiglie, sia lo stato attuale degli spostamenti, sia i mezzi utilizzati, sia la propensione ad avvicinarsi a un diverso sistema di trasporto. La piattaforma consente l’aggregazione e la lettura dei dati in tempo reale. In questo modo si possono poi raggruppare aree omogenee e progettare i servizi sulla base delle emergenze rappresentate”.

“In più – ha rilevato la vicepresidente Catalano – queste informazioni consentiranno al Comune di tracciare percorsi sicuri destinati agli spostamenti casa-scuola”.
Gli istituti scolastici hanno già dei dati base su cui lavorare, dati che vanno comunque aggregati “e messi a disposizione di Tua e di Trenitalia – conclude l’assessore Luigi albore Mascia – attraverso un flusso costante di comunicazione”.

Fondamentale resta anche la possibilità di integrare il trasporto su gomma con quello su ferro, sia in termini di orari che per quanto riguarda i costi. sul biglietto unico, come ha ribadito il dirigente regionale di Trenitalia, Dimitri Ruggeri, l’interlocuzione e le eventuali decisioni sono tutte in capo alla Regione Abruzzo.