-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Pescara, Pierangeli al processo sulla sanità: “Pagati 25 milioni dopo la firma ai tetti di spesa”

Ultimo Aggiornamento: venerdì, 1 Febbraio 2019 @ 14:41

Pescara. “Dopo aver firmato il contratto il 10 aprile, tra il 23 aprile e il 25 maggio ci fu pagato un importo complessivo di 25 milioni di euro”. Così Luigi Pierangeli, il testimone dell’accusa che con un suo esposto fece scattare l’inchiesta sui tetti di spesa alle cliniche private del 2010, ha riferito oggi pomeriggio davanti al tribunale collegiale di Pescara.

Nel processo sono imputati, con le accuse di abuso d’ufficio, l’ex presidente della giunta regionale Gianni Chiodi e l’ex assessore regionale alla Sanità Lanfranco Venturoni. Entrambi, nei mesi scorsi, hanno rinunciato alla prescrizione. Sono usciti di scena, invece, grazie ai benefici di legge, l’ex sub commissario alla Sanità Giovanna Baraldi e i due tecnici dell’Agenzia per i servizi regionali, Francesco Nicotra e Lorenzo Venturini.

Secondo l’accusa Chiodi e Venturoni avrebbero fatto pressioni sugli imprenditori della sanità privata affinché sottoscrivessero il contratto che prevedeva una riduzione dei tetti di spesa, anche collegando la firma del contratto al pagamento dei crediti vantati dalle cliniche. “Il contratto del 2010 era caratterizzato da una chiara disparità di trattamento e conteneva condizioni inaccettabili – ha detto Pierangeli nel corso dell’esame a cui è stato sottoposto in qualità di testimone dell’accusa – tanto che a Villa Pini furono assegnate mensilità per il periodo in cui aveva avuto la sospensione dell’accreditamento a causa del mancato superamento delle inadempienze”.

L’udienza è stata aggiornata al 9 maggio per il completamento dell’esame e l’inizio del controesame.

SEGUICI SUI SOCIAL

111,756FansLike
1,569FollowersFollow
5,931FollowersFollow
2,698SubscribersSubscribe
-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate