San Vito: scoperti 61 cuccioli in un canile lager FOTO

San Vito Chietino. Nel corso di un’operazione congiunta, condotta da militari della Stazione Carabinieri Forestale di Lanciano, della Compagnia Guardia di Finanza di Lanciano e della Stazione Carabinieri di San Vito Chietino, unitamente ai servizi veterinari della ASL 02 Lanciano- Vasto-Chieti, è stato scoperto un allevamento di cani detenuti in pessime condizioni igienico-sanitarie nella periferia di San Vito Chietino.

Gli animali, costretti a vivere nei loro escrementi, al buio e senza spazi sufficienti per la crescita, sono stati rinvenuti in un fatiscente casolare: un vero e proprio “canile lager”. L’allevamento abusivo era gestito da due coniugi sanvitesi, C.A., di 66 anni, I.A., di anni 72 e dai loro figli di 43 e 33 anni.

Le indagini, coordinate da Serena Rossi, Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica di Lanciano, sono scaturite da alcune segnalazioni che hanno permesso di appurare come le condizioni di detenzione degli animali fossero largamente fuori legge. I 61 animali, tra cuccioli e fattrici, in gran parte sprovvisti del microchip, erano tutti di razze piuttosto costose: maltesi, barboncini e jack russel: ognuno di loro poteva fruttare agli allevatori oltre 400 euro.

I 41 responsabili sono stati denunciati per esercizio abusivo della professione veterinaria, gestione illecita di rifiuti e maltrattamento di animali, e due fabbricati sono stati sottoposti a sequestro. Inoltre, i militari della Guardia di Finanza hanno acquisito la preziosa documentazione extra-contabile rinvenuta presso l’allevamento clandestino, totalmente sconosciuto al fisco, allo scopo di approfondire la questione anche dal punto di vista tributario.

Gli animali, anch’essi sequestrati, dopo i necessari accertamenti sanitari verranno trasferiti nei canili di Chieti, Lanciano, Guardiagrele e Ortona, e saranno resi disponibili per l’adozione. L’attività posta in essere testimonia l’importanza del coordinamento tra le Forze di Polizia locali nel contrasto dei reati in materia ambientale e dei reati perpetrati in danno di animali, e la nevralgica rilevanza di una costante presenza e di una continua azione di controllo economico del territorio.