Teramo, Angelo De Marcellis confermato presidente del CSI

Angelo De Marcellis sarà il presidente del CSI Teramo anche per il quadriennio 2020-2024. L’ufficialità è arrivata al termine dell’assemblea elettiva che si è tenuta sabato pomeriggio presso i locali della palestra Molinari.

L’evento, denominato “GENERARE FUTURO. Il dovere di costruire una nuova realtà”, è stato trasmesso in videoconferenza sulla piattaforma Google Meet, dove è stato seguito attivamente da 57 tra società e associazioni affiliate all’ente arancio-blu (sulle 64 accreditate). Le stesse hanno poi contribuito alla formazione degli organi statutari del locale CSI, attraverso un’apposita votazione in forma telematica, conclusa con la conferma di De Marcellis nel ruolo di massimo dirigente del comitato locale ciessino (nomina all’unanimità con 52 voti su 52 espressi).

Angelo De Marcellis è alla sua quarta elezione consecutiva: è stato eletto, per la prima volta, nel 2008 e a questa esperienza associativa ha affiancato quella di Commissario regionale (2011), di presidente regionale (2012-2020), di membro della Giunta provinciale del CONI di Teramo (dal 2009 al 2013) e della Giunta regionale del CONI Abruzzo (dal 2013 al 2017). Dal 2014 inoltre è anche Direttore dell’Ufficio per la Pastorale del Tempo Libero, Turismo e Sport della Diocesi di Teramo-Atri.

Il neo-confermato presidente ha commentato la sua elezione con parole entusiaste: “Con il passare degli anni la mia passione non si è affievolita, credo anzi sia accresciuta con l’aumentare del senso di responsabilità del ruolo sociale che svolge il CSI in tutta Italia ed anche oltre. Sto rafforzando inoltre questa mia consapevolezza guardando ogni giorno mio figlio, e con lui la sua generazione, convinto che avrà bisogno di sani riferimenti, di luoghi sicuri e aperti, dove possa far crescere le amicizie ma anche recepire il concetto di rispetto delle regole. La sfida per la quale ho accettato di proiettarmi verso un nuovo mandato alla guida del Comitato di Teramo è quella di far ripartire lo sport sul territorio dopo la pandemia da Covid-19. Il territorio oggi più che mai ha bisogno un CSI forte, pronto a rinnovare grandi alleanze educative con la Chiesa, la scuola e le famiglie valorizzando le Associazioni sportive che lo compongono, autentici presidi sul territorio, “antenne” dei problemi sociali giovanili e non, “comunità terapeutiche” naturali. Per quanto riguarda gli aspetti programmatici, nel quadriennio cercheremo di creare le condizioni per una ripresa in sicurezza di tutta l’attività degli sport di squadra. Per gli sport individuali, a livello territoriale proporremo invece un maggior sviluppo di ginnastica artistica e ritmica, ciclismo, podismo, atletica leggera, tennis e padel. Elaboreremo anche progetti scolastici in collaborazione con importanti partner territoriali, e rafforzeremo l’attività promossa negli oratori e nelle parrocchie”.

Durante la riunione sono stati anche eletti gli organi revisori (revisore effettivo: Lorena Di Pasquale, revisore supplente: Adriano Cavatassi) e gli otto nuovi consiglieri di Comitato: Anna Di Giandomenico (delegato all’assemblea nazionale), eletta con 20 voti, Luigi Provvisiero con 18 voti, Tommaso Pieragostini con 9 voti, Fabio Nardi con 9 voti, Vincenzo Montani con 9 voti, Simona Ferrante con 9 voti, Brunella Di Natale con 9 voti, Domenico Temperini con 9 voti.

La giornata, moderata dal giornalista Francesco Graduato e arricchita dalla competenza tecnica della dott.ssa Valentina Panichi (presidente della commissione assembleare per i poteri e le garanzie), ha registrato gli interventi istituzionali di cinque personalità: S.E.Lorenzo Leuzzi (Vescovo della Diocesi di Teramo-Atri), Vittorio Bosio (presidente nazionale del CSI), Agnese Gagliano (Presidente CSI Sicilia), Daniele Pasquini (CSI Roma) e Italo Canaletti (Coni Point Teramo). Farà parte del Consiglio arancio-blu anche don Jackson Pierre, nominato assistente ecclesiastico dalla Diocesi di Teramo-Atri.