Serie C, seconda gioia di fila per il Teramo: Avellino battuto nonostante un super Tonti (1-0)

Seconda vittoria consecutiva per il Teramo che continua a sorridere dopo la vittoria di Lentini contro la Sicula Leonzio. Bombagi è croce e delizia dei biancorossi, prima sbaglia un calcio di rigore e poi si fa perdonare firmando, praticamente allo scadere, il gol vittoria.

Gara con poche emozioni almeno nella fase iniziale, con l’Avellino che si fa preferire per possesso palla ma con il Teramo che al 20’ si vede annullare un gol per fuorigioco di Magnaghi sul calcio di punizione battuto da Bombagi. L’episodio sarà la sveglia anche per vedere più dialogo tra i due attaccanti. Al 24’ Santoro ci prova dal limite, con Tonti attento a fermare la sfera. Bella azione biancorossa alla mezz’ora quando Bombagi riceve da Magnaghi, tenta il pallonetto deviato probabilmente in maniera decisiva dall’estremo irpino, ma la terna non concede il calcio d’angolo. Il dialogo in salsa Pordenone continua poco dopo, quando Bombagi di testa chiama Magnaghi al tiro, trovando ancora Tonti a dire di no. Azione bissata al 39’ con l’estremo ospite ancora a negare al gol all’attaccante del Teramo. L’Avellino si fa rivedere prima di tornare negli spogliatoi, quando Parisi dagli sviluppi di un angolo impegna centralmente Tomei.

Subito palla gol per il Teramo ad inizio ripresa: Bombagi batte una punizione che Soprano tocca, Tonti fa un mezzo miracolo bloccando la sfera con una mano e con Cristini che poi non trova lo specchio. Gli ospiti rispondono dopo 5’: Micovschi batte un calcio di punizione direttamente in porta da posizione defilata, con Tomei in volo ad allontanare la sfera. Il Teramo continua a premere con l’Avellino alle corde: al 18’ è la traversa a dire di no a Bombagi da calcio di punizione. E’ ancora Diavolo al 23’, quando Cancellotti va al cross in mezzo, Morero anticipa Magnaghi con Tonti ancora attento ad evitare l’autorete del compagno. Il Teramo ha l’occasione concreta per andare in vantaggio prima della mezz’ora: Arrigoni pennella per l’inserimento di Bombagi che viene messo giù in ara da Morero. Il direttore di gara indica il dischetto ed il calcio di rigore per la formazione di Tedino. A battere va Bombagi, ma Tonti, ancora una volta, si supera indovinando l’angolo e negando il vantaggio alla sua ex squadra. L’altro ex, Di Paolantonio, impegna poco dopo Tomei da calcio di punizione, trovando la porta ma il portiere biancorosso è pronto a deviare.

Nel finale è forcing biancorosso a caccia del successo. Dagli sviluppi di un angolo, la difesa biancoverde legge male il pallone finito in area piccola e Bombagi, da due passi, firma il settimo centro stagionale e la vittoria del Teramo. Mercoledì si torna in campo nel recupero casalingo contro il Catanzaro.

TERAMO –  AVELLINO 1 – 0

Teramo (4-3-1-2): Tomei 7; Cancellotti 6, Cristini, Soprano (35’st Iotti), Tentardini; Santoro (35’st Minelli), Arrigoni, Ilari; Costa Ferreira; Magnaghi, Bombagi (48’st Piacentini). A disp.: Valentini, Lewandowski, Florio, Martignago, Cappa, Fiore, Birligea. All.: Tedino.

Avellino (3-4-3): Tonti; Illanes, Morero, Bertolo; Celjak, Laezza, Di Paolantonio, Parisi; Micovschi (28’st Albadoro), Alfageme, Evangelista (1’st Rossetti). A disp.: Pizzella, Zullo, Njie, Carbonelli, Acampora, Russo. All.: Padovano (Capuano squalificato).

Arbitro: Tremolada di Monza.

Reti: 45’st Bombagi.

Note: spettatori 2446; ammoniti Cancellotti, Cristini, Laezza; recupero 3’ nel st.