-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Roseto ad un passo dall’impresa, Trieste espugna in volata il PalaMaggetti

Ultimo Aggiornamento: domenica, 11 Marzo 2018 @ 20:19

Roseto Sharks – Alma Trieste 87-91

ROSETO: Carlino 13, Ogide 16, Alessandrini n.e, Lupusor 1, Contento 25, Di Bonaventura, Palmucci n.e, Lusvarghi , Zampini , Casagrande 9, Marulli 19, Infante 4. Coach Emanuele Di  Paolantonio

TRIESTE: Coronica, Green 22, Schina 1, Baldasso 3, Deangeli n.e, Janelidze, Prandin 7, Cavaliero 13, Da Ros 6, Bowers 16, Loschi 13, Cittadini 10. Coach Eugenio Dalmasson

Arbitri: Cappello, D’Amato, Buttinelli

Note: parziali: 22-28; 43-44;64-75; 87-91. Tiri da due: Roseto 15/24; Trieste 18/36. Tiri da tre:9/19;12/23. Tiri liberi: 30/36;19/24. Rimbalzi: 20 (17+3); 28(19+9)

Non basta il miglior Roseto della stagione per avere la meglio sull’Alma Trieste. Gli ospiti trionfano 87-91 con gli Sharks che a 50” dalla fine erano in vantaggio e con la palla tra le mani. Top scorer Contento, autore di 25 punti (17/18 dalla lunetta)

La CRONACA.

Coach Dalmasson deve rinunciare a Juan Fernandez, vittima di uno stiramento. Trieste subito a segno con Prandin allo scadere dei 24”, Roseto risponde con una tripla di Casagrande. Prova di fuga per l’Alma che allunga sul 3-8 al 3’. Sono otto le lunghezze di vantaggio per gli ospiti a metà periodo. Buone iniziative offensive da parte degli Sharks con Casagrande e Ogide, mentre in difesa i biancazzurri incontrano elevate difficoltà a contenere i ragazzi in maglia rossa. La prima frazione termina con un tap-in per parte, rispettivamente di Ogide e Cittadini. 22-28 il punteggio al 10’.

Nei primi due minuti del secondo quarto, da registrare soltanto un 2+1 di Bowers, che permette ai triestini di volare sul +9. Black-out offensivo degli ospiti e Roseto guidata da Contento torna sul 31-32 al 15’. Loschi segna il primo canestro dal campo per Trieste dopo quasi 6’. Due rimbalzi offensivi di Janelidze concedono altrettanti extra-possessi all’Alma, il secondo dei quali viene concretizzato da Cavaliero con una tripla: 36-42 a 2’21”dall’intervallo. Trieste in questa fase si regge su Green, a tratti contenibile solo con un fallo. Finale di frazione con Contento protagonista prima con una bomba e poi con un errore in penetrazione che impedisce agli Sharks di andare all’intervallo avanti nel punteggio. Si torna negli spogliatoi sul 43-44, già 18 i punti di Green.

Il secondo vantaggio della gara per Roseto, firmato da Ogide, dura pochi secondi; immediata infatti la replica triestina con Cavaliero da 3 e con un bel canestro di Da Ros. Prandin trova il siluro del 45-52 e Di Paolantonio chiama time-out al 23’. L’emorragia non si arresta, perché anche Bowers colpisce dalla lunga distanza. Ogide interrompe il parziale di 0-11. Al 25’ Trieste è avanti 49-57. Gli Sharks si tengono a galla con i tiri liberi ma non segnano più dal campo. Dopo aver ricevuto un grande apporto da Cittadini, l’Alma scappa sul +12 con una gran conclusione di Cavaliero. Loschi sembra dare la mazzata definitiva agli Sharks con un 3+1 ed ulteriore libero per fallo tecnico fischiato a coach Di Paolantonio, ma un 6/6 consecutivo di Contento dalla lunetta riporta entusiasmo al PalaMaggetti. Baldasso però allo scadere trova la prodezza dell’anno, segnando dalla propria metà campo difensiva. 64-75 al 30’.

Roseto non molla e riparte con un 7-0 che lo rilancia sul -4. Loschi risponde colpendo nuovamente da tre. Infante e due liberi di Marulli regalano il 75-78 al 34’, time-out Dalmasson. Da Ros in qualche modo trova il bersaglio ma ancora Marulli risponde con la bomba del 78-80 al 35’. Come già accaduto in precedenza, Cavaliero ricorda di avere una marcia in più rispetto alla stragrande maggioranza dei suoi colleghi centrando la tripla del nuovo +5 ospite. Carlino primo attore, inizialmente in negativo con due errori, poi però è artefice di un 3/3 dalla lunetta e di una tripla da distanza siderale che regala il sorpasso biancazzurro sull’86-85 ad 1’10” dal termine. Venti secondi più tardi, errore di Cavaliero e Roseto ha l’opportunità per allungare il divario. Carlino però si fa stoppare in penetrazione da Green, dall’altra parte errore di Cavaliero ma Bowers corregge schiacciando l’86-87. Gli Sharks però hanno nuovamente tra le mani la palla della vittoria ma Marulli butta malamente la palla a spicchi. Cavaliero è preciso dalla linea della carità per l’86-89. ½ di Carlino ad 8”dalla fine. Sulla rimessa successiva Roseto fatica a fare fallo, riuscendoci solo a 4,8” dalla conclusione. Il game-over è sancito da Green dalla lunetta, il match termina sull’87-91.

-- FINE ART -

ALTRI ARTICOLI SIMILI

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate