Serie D, Il Giulianova illude poi cade nel finale: la Recanatese vince 3-2 VIDEO

Recanatese: Marcantognini, Rutjiens, Pezzotti, Raparo (39’st Lauria), Esposito, Monti, Senigagliesi (18’st Ielo), Antoniazzi, Titone, Borrelli, Pedroni (18’st Palmieri). A disp. Sprecacè, Dodi, Giaccaglia, Capitanio, Guercio, Monachesi. All. Giampaolo

 

Real Giulianova: Bifulco, Fed. Di Paolo (38’st Mennillo), D’Antonio, Castiglia (41’st De Marchi), Diamoutene, Gueye, Fra. Di Paolo, Ramku (35’st Balducci), Cesario (33’st Vitelli), Torelli, Barlafante (30’st Cipriani). A disp. Di Piero, Lenoci, Concetto, Suriano. All. Del Grosso

 

Arbitro: Villa di Rimini (Cioce di Pisa e Mantella di Livorno)

 

Reti: 10’pt Borrelli (R), 2’st Cesario (G), 28’st Barlafante (G), 32’st Pezzotti (R), 45’st Ielo (R).

 

Note. Angoli 3-8. Ammoniti: Raparo, Esposito (R); Fed. Di Paolo, Castiglia (G). Recuperi: 1, 5’

 

La paura fa novanta. Recitava un vecchio adagio. In questo caso l’amarezza fa novanta per il Real Giulianova che perde al fotofinish una contesa che avrebbe meritato almeno di pareggiare. Pezzotti scodella un piazzato in area. Bifulco, fino a quel momento irreprensibile, sbaglia i tempi dell’uscita e Ielo da due passi mette dentro. Il successo è leopardiano. Come all’andata. Il Giulianova bello e autoritario per 80 minuti fa il pieno solo di recriminazioni. Sfida godibile e vivace quella del Tubaldi. Giampaolo ripresenta Borrelli a dare qualità al suo 3-5-2 ancora orfano di Pera. Il Giulianova schierato con il 4-3-3, dove ritrovano una maglia da titolare Castiglia e Francesco di paolo. Partono meglio i giuliesi. Dopo appena 4 minuti di Paolo sulla rifinitura aerea di Cesario alza il pallonetto di poco sopra la traversa. Un giro di lancette e il sinistro di Barlfante mette i brividi ai leopardiani. Alla prima accelerazione la Recanatese trova il vantaggio. Senigagliesi sprinta a destra, La difesa contiene, ma Titone calamita la sfera e la scarica al limite per Borrelli che con un colpo da biliardo mette dentro sul palo lungo. Il Giulianova non smarrisce le sue certezze e tatticamente resta molto ordinato. Soprattutto nella fase di non possesso. Il Real sfiora il pareggio al 20’. Punizione di Castiglia: palla che incoccia la parte inferiore della traversa. La Recanatese vive di fiammate. Due minuti dopo sul traversone di Pezzotti Senigagliesi incorna a colpo sicuro.

 

Bifulco interviene e disinnesca il pericolo. Episodio dubbio. I locali ritengono che la sfera abbia oltrepassato la linea bianca. Ma il direttore di gara fa proseguire. La squadra di Del Grosso gioca con personalità. Minuto 34’ sull’asse dei fratelli Di Paolo nasce un’occasione nitida. Palla larga. Ospiti ancora pericolosi al 43’. Marcantognini si salva in qualche modo sulla percussione di d’Antonio. Prima del gong Bifulco è miracoloso sulla conclusione volante di Senigagliesi. Con Titone che di testa non trova lo specchio. Al rientro in campo il Giulianova trova subito il pareggio. Nel mucchio che si genera in area. Il tocco risolutore è quello di Cesario. Rispetto alla prima frazione i ritmi sono meno frenetici. I leopardiani ci provano al sesto. Bifulco si distende per dire di no a Pedroni. L’equilibrio resta sovrano ma nelle ripartenze il Giulianova fornisce netta di poter fare male. È out l’inzuccata di Di Paolo al 17’. Poi, poco prima della mezz’ora il Giulianova trova il vantaggio. Lineare ed efficace lo sviluppo della ripartenza che Barlafante finalizza con un sinistro preciso. La recanatese sembra alle corde. Ma Pezzotti la rianima quattro minuti dopo con un sinistro potente che vale il 2-2.

 

Del Grosso deve operare una serie di cambi in rapida sequenza. Mutando anche l’assetto spiegando poi, in un dopo partita polemico, il perché. I locali ritrovano verve. Mentre il Giulianova spegne la definitivamente la luce. Quarantesimo. Esposito verticalizza dalla propria trequarti. Ancora Bifulco dice di no a Titone. La prestazione del portiere abruzzese viene macchiata, in parte, dall’errore di valutazione allo scadere. Che poi produce il gol vittoria di Ielo. Con le residue forze il Giulianova organizza l’ultimo disperato affondo. Ci prova Di Paolo. Chiuso. Poi sull’angolo seguente,. Gueye non inquadra lo specchio. Finisce qui. La recanatese torna al terzo posto. Il Giulianova invece che non vince oramai da quasi tre mesi resta in una complicata situazione di classifica e torna a casa a bocca asciutta.