-- HEADER MASTHEAD DESK --
-- HEADER MASTHEAD MOB --

Green pass sui luoghi di lavoro. Marsilio: la scelta rischia di creare conflitti sociali

Ultimo Aggiornamento: mercoledì, 13 Ottobre 2021 @ 18:10

“Noi facciamo del nostro meglio e cercheremo di essere all’altezza anche di questa sfida. Dispiace che il Governo non abbia voluto ragionare prima di questi limiti.

 

Molti miei colleghi che oggi lanciano l’allarme e chiedono al Governo di adottare misure diverse, quando ci siamo confrontati avevano sottovalutato le problematiche che un’adozione di questo tipo del Green pass avrebbe provocato sui luoghi di lavoro, alla conflittualità sociale che si sta moltiplicando”. Lo afferma, a margine di un evento a Chieti, il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, che parla di “un allarme che io avevo lanciato e del quale non si è tenuto conto”.

 

Spero che dal 15 – aggiunge – si riesca a fronteggiare i problemi, altrimenti credo che pragmaticamente il Governo farà bene a rivedere anche con i sindacati, tra i primi a sollevare queste problematiche, la messa a punto di un sistema più gestibile”. “Se si decide che è facoltativa la vaccinazione, ma poi a chi non si vaccina si toglie lo stipendio – dice ancora Marsilio – non mi pare che questo confine di libertà sia molto ampio. Ed è quello che sta provocando una forte conflittualità. Non a caso quando mi sono confrontato con uno dei comitati contrari al Green pass, di fronte all’ipotesi dell’obbligo vaccinale mi è stato risposto ‘correremmo tutti a farci il vaccino’, perché sarebbe il segnale di uno Stato che si fida dei vaccini e garantisce i cittadini rispetto alle conseguenze avverse che in qualche raro caso possono accadere”.

 

“Io sono vaccinato e continuo a far vaccinare l’Abruzzo, tuttavia questa zona grigia di persone che non si sono vaccinate e che continuano a non volersi vaccinare non perché siano ideologicamente ostili – prosegue – esiste perché da parte dello Stato ci sono stati comportamenti poco chiari, ambigui, degli errori di comunicazione evidenti che hanno creato confusione, incertezza e sbandamento in una parte della popolazione più sensibile alle teorie complottiste e ai dubbi alimentati sui forum”.

 

Sara Marcozzi (M5S). “Più che dall’adozione del green pass, sembra che la conflittualità sociale venga alimentata ad arte dalla quotidiana propaganda di Fratelli d’Italia, con il Presidente che sfrutta il proprio ruolo in Abruzzo alla stregua di un megafono per amplificare il messaggio del suo partito e del suo Capo Politico”. Le parole sono del Capogruppo M5S in Regione Abruzzo Sara Marcozzi a commento delle dichiarazioni rilasciate quest’oggi dal Presidente Marsilio in tema di green pass. “Si porta avanti la solita prassi del giocare al rialzo su ogni proposta del Governo. Un modo per criticare sempre e comunque, senza mai offrire una soluzione ai problemi dei cittadini.

 

Così, davanti alle modalità di utilizzo green pass, si rilancia con l’opzione dell’obbligo vaccinale, con tutti i conseguenti rischi verso quelle persone che hanno ancora resistenza nei confronti dei vaccini e che devono essere convinte attraverso le evidenze scientifiche. Ad ogni modo, se Marsilio ha una soluzione migliore di quelle proposte dal Governo, la porti al tavolo della conferenza Stato-Regioni.

 

È troppo facile fare continuamente propaganda con queste dichiarazioni spot quando si siede sulla poltrona di Presidente di Regione. Nel frattempo potrebbe limitarsi a fare meglio il proprio dovere e, ad esempio, spiegare perché gli aiuti economici alle piccole e medie imprese abruzzesi sono bloccati da mesi nei cassetti della Regione. Dal momento che si riempie la bocca di dichiarazioni sul tema lavoro, inizi da qui a dare spiegazioni. Gli abruzzesi meritano un Presidente che li rappresenti in ogni sede, non un qualsiasi esponente di partito”, conclude Marcozzi.

-- FINE ART -
-- ART CORR OUTB --
-- ALTRI ART CORR -- -- ALTRE NEWS --

Latest articles

NEWS DALLA TUA CITTA'

Notizie Correlate