Teramo, lettera al sindaco: “Frazioni dimenticate, noi cittadini di Serie B”

“Sono passati quasi tre anni dall’insediamento della nuova amministrazione ed è tempo di fare un bilancio. Appare ormai piuttosto evidente come non tutte le promesse fatte in campagna elettorale siano state mantenute. Auspicavamo da parte della nuova governance un approccio più attento alle istanze delle tante frazioni, anche per via del fatto che in campagna elettorale prima, e nelle dichiarazioni di intenti successivi all’insediamento della maggioranza poi, si fosse evidenziata la volontà di porre una inedita attenzione alle loro criticità”. A dirlo il presidente Proloco Forcella, Daniele Di Battista.

Ripartiamo dalle frazioni’ era stata la dichiarazione di intenti di sindaco, giunta e consiglieri. Dichiarazione che, alla luce di quanto realizzato appare ormai uno slogan privo di contenuti concreti. Qualche esempio? Siamo a settembre ed ancora non si è proceduto al minimo sindacale che ogni piccola realtà dovrebbe pretendere: lo sfalcio dell’erba. Ad oggi non vi è nessuna gara d’appalto per tale, semplice operazione, ed appare sempre più scontato che anche quest’anno, come succede da ormai troppo tempo , saranno i cittadini a farsene carico. Per quanto tempo ancora l’amor proprio e la volontà dei residenti di dare decoro ai propri luoghi dovranno sopperire a questa disattenzione?”.

E ancora: “Persino interventi di ordinaria manutenzione contrattualizzati nella convenzione tra Amministrazione e la partecipata TEAM non sono stati effettuati, e parliamo davvero di poca roba, tagli della vegetazione che si forma negli interstizi di pavimentazioni e murature, pulizie dei tombini… Anzi, proprio su tali, piccoli lavori abbiamo potuto constatare quale sia la vera visione che ha il sindaco in materia di piccole realtà, dato che, a precisa richiesta di spiegazioni sul perché non si fosse proceduto alle operazioni sopra citate, il primo cittadino ha testualmente affermato che esse riguardavano solo i centri urbani. Come se le frazioni non lo fossero. Siamo insomma tornati alla Serie A ed alla Serie B. Il centro conta, periferie e paesi molto meno.  Non possiamo, in questa sintetica analisi dei mancati interventi, non rammentare le vicende della Scuola elementare di Forcella. L’immobile, sulla cui enorme valenza ed importanza sia in termini storici che per le enormi potenzialità come attrattore di interessi e di attività ci siamo già espressi, giace abbandonato, senza copertura, in balia di infiltrazioni e completamente esposto alla furia degli agenti atmosferici. Si sta facendo in questo caso, ancora peggio della precedente amministrazione, che aveva quantomeno intrapreso una serie di lavori di messa in sicurezza”.

Per Di Battista, “qualche piccola speranza viene dal Piano Asfalti, ma con il milione di euro parcellizzato su tutto il territorio comunale, sappiamo che si tratterà di interventi residuali, rappezzi e tappentini, niente di più. Speriamo almeno che tali lavori vengano effettuati con cognizione di causa e non si arrivino a coprire con il bitume selciati e scalinate antiche, come è successo in passato. Completamente da dimenticare invece, è stato il tentativo da parte della maggioranza, di attribuirsi qualche merito nella vicenda del recupero della torre di guardia borbonica. Si tratta, ci teniamo a sottolinearlo, di un intervento di iniziativa privata. I meriti sono esclusivamente dei proprietari dell’immobile, non di altri. In definitiva, non è sbagliato affermare che in questa amministrazione non troviamo traccia di quella lungimiranza che caratterizza invece altre, ben più illuminate realtà”.