Roseto, Casa Civica contro i concorsi “ad orologeria” banditi dal Comune

Roseto. “Sul finale di stagione, come nel più classico dei copioni, ecco spuntare i concorsi per nuove assunzioni in Comune, veri e propri specchietti per allodole, con tutto il rispetto per i cittadini in cerca di un lavoro!”.

Queste le dichiarazioni sarcastiche ma non per questo meno dure lanciate dagli esponenti del gruppo politico di Casa Civica per voce del suo Consigliere e Capogruppo Mario Nugnes e della coordinatrice Gabriella Recchiuti, che poi continuano.

“In questo finale di mandato Di Girolamo/Ginoble gia’ condito da numerosi annunci ad effetto, in pieno stile pre-elettorale, non è sfuggita al gruppo di Casa Civica la volontà dell’attuale amministrazione di indire nuovi concorsi per assumere nuovo personale in diversi settori del nostro Comune. Sia ben chiaro  – precisa Mario Nugnes – conveniamo sulla necessità di potenziare alcuni settori per dare servizi efficienti alla cittadinanza, anche perché negli ultimi anni ci sono stati vari pensionamenti e il personale si è ridotto in alcuni uffici e settori. Tuttavia troviamo davvero sconveniente e scorretto che ciò avvenga in pieno clima elettorale, perché sappiamo benissimo che un posto fisso può facilmente diventare merce di facile scambio e di false promesse per molti rosetani, in cerca di un impiego. Giocare con il futuro di giovani o di inoccupati che faticano a trovare una sistemazione lavorativa non ci sta bene e non staremo a guardare”.

“A questo punto -aggiunge Gabriella Recchiuti – visti i tempi ormai troppo stretti con cui si è arriverebbe alle selezioni di nuovo personale, a ridosso delle elezioni, ci aspetteremmo un atto di grande maturità dal nostro Sindaco che per evitare illazioni e polemiche dovrebbe decidere di nominare la commissione ma di rinviare lo svolgimento del concorso immediatamente dopo l’insediamento della nuova Amministrazione.”

“Roseto -conclude Mario Nugnes- ha davvero bisogno di nuove risorse e professionalità ma troviamo doveroso presidiare che tutto avvenga con la massima trasparenza, onestà e attenzione”.